Torino: Cerci super, esterni ballerini

Gli avversari
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Dopo la fortunosa vittoria ottenuta contro il Cagliari, alle 20.45 di stasera il Milan ospita un Torino che rappresenta la squadra rivelazione del campionato in corso. I granata hanno infatti disputato un girone d’andata di buon livello e stanno attraversando un ottimo periodo di forma, tanto che al momento occupano la sesta posizione della classifica. La partita si prospetta difficile: gli uomini di Ventura sono una compagine solida e organizzata che, a centrocampo e in attacco, dispone di tecnica ed efficacia.

Punto di forza: coppia d’attacco.
Per mettere in difficoltà un Milan votato all’attacco ma poco concreto e superficiale in fase di copertura, al Torino basterebbe chiudersi con compattezza e cercare di ripartire con velocità e incisività. In questo modo, si creerebbero gli spazi per colpire e verrebbero messe in risalto le caratteristiche delle due punte, Cerci e Immobile. Abili contropiedisti in possesso di senso del gol, seppur dotati di features diverse, i due attaccanti del Torino costituiscono i pericoli maggiori. Mentre Cerci è un esterno offensivo (che può essere schierato anche come seconda punta) in possesso di rapidità, progressione, propensione all’uno contro uno e qualità tecniche, Immobile è un centravanti forte dal punto di vista fisico, capace di far salire la squadra e di andare in gol con continuità.

Punto debole: corsie laterali.
In un Toro in cui tutto funziona alla perfezione, dobbiamo segnalare che gli esterni di centrocampo non sempre sfoderano prestazioni all’altezza della situazione. Certo, fino a questo momento, il profitto dei laterali di Ventura è stato nel complesso positivo. Ciò nonostante, gli uomini di fascia granata non assicurano massima continuità di rendimento ed evidenziano problemi nello svolgimento simultaneo della fase difensiva e di quella offensiva. Quando si propongono in avanti, spesso capita che non siano precisi e lascino scoperta la posizione, costringendo il pacchetto arretrato e i mediani a fare gli straordinari. E se puntati con decisione, potrebbero soffrire i coast to coast, per poi crollare sul lungo andare.

Giocatore chiave: Alessio Cerci.
Non ci sono dubbi: l’attaccante romano è il fulcro del gioco del Torino. Velocità, resistenza, cambio di passo, facilità di corsa, inclinazione a creare superiorità numerica con dribbling secchi, abilità da contropiedista, sinistro preciso e all’occorrenza potente, doti tecniche, concretezza e spirito di sacrificio. Sono queste le sue qualità più importanti di Cerci che, ormai da più di un anno, è una delle punte italiane più forti e si trova in pianta stabile nel giro della selezione di Cesare Prandelli. Il Milan è avvisato.