Ventura in conferenza: “Il pari più merito nostro, c’è qualche rammarico”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

In conferenza stampa a San Siro, ecco l’allenatore del Torino Giampiero Ventura: “Nel primo tempo abbiamo avuto un buon approccio. Quando era 1 a 0, abbiamo avuto la possibilità del raddoppio. Sul 2 a 0, sarebbe stata diversa. Questo è il rammarico. Nel secondo tempo abbiamo peccato di personalità, ogni volta che abbiamo conquistato palla avremmo dovuto far male. Se analizziamo il gol del Milan, è venuto da un’azione sprecata da noi: Rami ha anticipato Immobile e poi ha fatto un gran gol. questo però è il nostro percorso di crescita, è una partita che ci servirà molto, anche per capire chi siamo”.

“Salvezza o Europa? Oggi siamo 5, è qualcosa di anomalo. Noi veniamo da 3 anni difficili, c’era scetticismo. In questi 3 anni stiamo asportando l’immagine di una squadra che fa un calcio propositivo. Cerci ed Immobile hanno fatto più gol di Tevez e Llorente. Il nostro obiettivo è buttare fondamenta serie per poi costruire qualcosa anno dopo anno. L’Europa non risolve i problemi, così anche il contrario. Se penso all’Europa? No, magari qualche giocatore in cuor suo che però questa sera ha pagato qualcosa. Abbiamo 33 punti, ma 4 o 5 li hanno portati via al Toro. Io credo ad esempio che oggi il Torino sia finalmente una squadra appetita dai giocatori. I tifosi avevano voglia di sentire ancora l’orgoglio granata, siamo sulla buona strada”.

Sul Milan e Seedorf: “È arrivato da poco, non è Mago Merlino. Certo, il suo è un calcio propositivo che ti porta a dover chiudere degli spazi. A volte però c’erano delle praterie in campo, lì abbiamo peccato. Ha vinto 2 partite di campionato, ma noi abbiamo meritato questo punto. È più un merito nostro”.