Analisi Milan: gioco splendido, ma solo per un'ora. Allarme condizione

Un’ora di splendore, poi il crollo: allarme condizione fisica, un problema dalle origini profonde

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Bellissimo, poco cinico in attacco ed ingenuo in difesa, potrebbe essere questa la sintesi del Milan visto ieri sera a San Siro contro la Juventus. Una squadra coesa e non banale, con idee nuove e che propone calcio senza improvvisazione, dominando la squadra che presto vincerà il prossimo scudetto (il terzo di fila). Alla fine la differenza l’hanno fatta gli errori più che gli episodi: il Milan ha confezionato e sprecato occasioni limpide, clamorosa quella di Kakà al 25′, poi è stato infilato da Llorente (il “difetto” è di Rami che sbaglia il colpo di testa, Marchisio, Tevez e Lichtsteiner hanno fatto il resto) ed uno strepitoso Tevez (con i rossoneri fermi a guardarlo). Il Milan ha subito i singoli della Juventus, non l’ha sofferta.

Per intensità, corsa e classe è stato una delle migliori prime frazioni della storia recente, un Milan limpido e brillante. Ma con poca batteria. Nessuna sorpresa, i bianconeri hanno solo confermato il problema: il Diavolo si spegne troppo presto. E’ rimasto “acceso” solo un’ora, il limite massimo raggiunto dopo l’arrivo di Seedorf, come successo in Champions. Il vero danno è che non si parla di calo ma di vero e proprio crollo, e così i vari Kakà, Taarabt e Pazzini dal 60′ quasi scompaiono dal campo. Un vecchio problema di “Allegriana” memoria, quello di una preparazione che in estate è stata profondamente sbagliata (e anche quella d’inverno lascia a desiderare): si voleva un Milan fresco fin dall’inizio, Verona e Sassuolo hanno emesso sentenze dolorsa. La Juve come i Colchoneros: la condizione fisica del Milan scade prima della metà della ripresa. Ma in questo senso ci sono due grandi differenze: la prima è che in Europa il Milan è stato iellato, fermandosi al palo; ieri, invece, colpevole di essere stato poco lucido ed efficace in zona offensiva. Due prestazioni splendide, 0 gol: ancora non ci siamo.

Il bicchiere, comunque, resta mezzo pieno, dipende dalle aspettative. Anche in caso di vittorie i rossoneri non avrebbero rivoluzionato la propria classifica, la stagione è iniziata malissimo e finirà con qualche sorriso in più, ma stravolgere la tendenza ormai sembra un’impresa impossibile. Fermiamoci agli applausi senza sosta che Seedorf ha battuto in ogni istante e per ogni giocatore, fermiamoci a questo Milan da applausi. Bisognerà crescere ancora parecchio per tornare a competere: parola d’ordine, concretezza.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy