Un sondaggio ed un hashtag contro Berlusconi

Dalla Francia e da Twitter il messaggio è chiaro: via Berlusconi

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Quando si parla di Milan e di tutto ciò che riguarda il mondo rossonero, inevitabilmente uno dei temi principali (se non il primo) è quello riguardante la cessione delle quote societarie di maggioranza della società. Anche oltre confine, precisamente in Francia, è salito l’interesse sulla questione.

A tal proposito, la famosa rivista sportiva France Football, la ‘mamma’ del Pallone d’Oro per intenderci, ha sottoposto un sondaggio che, sorprendentemente, ha riscosso successo fra i lettori transalpini. “Berlusconi deve vendere l’Ac Milan?”. Domanda diretta, senza giri di parole. Il riscontro, come detto, è stato positivo ed il risultato non lascia alcun dubbio: l’80% dei votanti è convinto che il presidente debba lasciare le redini del club. “L’era di Berlusconi è finita”; “Ricordate la formazione del 2005? Nessun giocatore della rosa attuale avrebbe trovato spazio in quella squadra”; “Negli anni 2000 il Milan aveva giocatori da sogno, adesso ci sono solo Balotelli e Kakà”. Questi alcuni dei commenti dei lettori. Le vicissitudini rossonere sono dunque d’attualità nel Paese in cui giocano, tra l’altro, due ex stelle rossonere, Ibrahimovic e Thiago Silva.

L’era Berlusconi è davvero finita? Il Presidente dovrebbe farsi da parte per il bene del club? Intanto anche su Twitter, famoso social network, è stato lanciato un hashtag decisamente attinente al sondaggio di France Football: #BerlusconiOUT. Una buona parte degli sportivi francesi e degli internauti di tutto il mondo è assolutamente convinta quindi: nei prossimi mesi vedremo cosa accadrà realmente ai piani alti della società rossonera.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy