corioni brescia gori - Corioni: "Gori come Buffon. Pirlo? Unico"

Corioni (pres. Brescia) esalta Gori: “Il Milan ha preso un futuro Buffon”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Ne ha visti tanti, lui, passare da Brescia. Uno su tutti, Roberto Baggio. Ma anche quell’Andrea Pirlo che con le sue punizioni sta oramai incantando tutto il Mondo. Gino Corioni, presidente del Brescia, intervistato in esclusiva da tuttomercatoweb.com, ha parlato del giovane portiere classe ’96 Stefano Gori, in rossonero da gennaio: “Abbiamo sfornato un futuro Buffon. Lo abbiamo dato a metà al Milan, praticamente lo abbiamo regalato ma per bisogno di soldi. E’ un errore grande, ma che dovevamo fare? Dal ’94 al ’99, ho almeno una decina di campioni in erba. E’ una terra che dà tanti giocatori, ma gli imprenditori, con Milano vicino, investono altrove”.

“Andrea – continua Corioni parlando di Pirlo, è un campione che nasce una volta ogni tanto ed ha un dono che non s’impara. Si può migliorare, ma è qualcosa di innato: ha un tocco di palla meraviglioso, fantastico. E’ un ragazzo serio, un campione vero, unico. Credo sia un centrocampista completo, che ha segnato un modello, un’epoca. Da Rivera, ad Antognoni, ne abbiamo avanti tantissimi bravi, ma non ne ho mai visto uno come lui. Ha qualcosa in più di tutti. Adesso poi non è giovane, ma sembra sempre un ragazzino: era un campione anche giovanissimo”.

“Brescia, – conclude il presidente –, è una grande città ed avrebbe bisogno di una grande squadra e di un presidente più ricco. Io posso starci, ma la forza economica che c’è a Brescia è tanta ed è assurdo che lascino me qui; io ho anche tanti anni, anche i miei problemi ed è ora che la città si svegli”.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy