crisi milan - Pietro Vierchowod: "Seedorf non ha prodotto risultati"

SM ESCLUSIVO/ Vierchowod: “Ci sono pochi elementi da Milan. Seedorf? Non è cambiato nulla…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Correva la stagione 1996/1997. Quella della panchina affidata prima a Oscar Tabarez. Poi ad Arrigo Sacchi, richiamato dalla Nazionale per provare a salvare la baracca. Quel Milan non riuscì a qualificarsi per le coppe europee e uscì molto presto dalla Champions, per mano del Rosenborg. Era quello il Milan che subì il 6-1 in casa dalla Juventus. E in quella squadra militava un difensore che di esperienza ne aveva accumulato davvero tanta: Pietro Vierchowod. Proprio lui oggi, in esclusiva a SpazioMilan.it, guarda con lucidità al momento di crisi dei rossoneri, “molto diverso da quello di diciassette anni fa”.

Pietro, qual è la tua lettura di questa crisi?
La squadra è quella che è, ma soprattutto il cambio di allenatore si è rivelato avventato”.

Addirittura?
“Si cambia allenatore quando deve cambiare modo di giocare e risultati. Questo cambio non ha portato a nulla, con l’esperienza si riesce meglio a far capire ai giocatori cosa serve da loro e Seedorf non è certo esperto, ragiona ancora con la mente del giocatore”.

In che senso?
“Quando trovi una squadra non al massimo, devi farla giocare, dare imput. Non ho visto alcun miglioramento e alcuna impronta. Seedorf ha lasciato il Botafogo nel giro di 48 ore ed è arrivato a Milano. Come può essere riuscito a cambiare il suo modo di pensare, a non interpretarsi più come il capitano in campo”.

Una bocciatura per il Seedorf allenatore?
“Aspettiamo, ma quando hai 25 giocatori da gestire, bisogna metterci qualcosa di proprio. A me non ha dato quest’impressione”.

Meglio Allegri?
“Per ora ho visto lo stesso Milan di Allegri. Ed è grave, visto che solitamente un cambio in panchina provoca qualche scatto d’orgoglio”.

I tifosi se la prendono con Galliani…
“La gente si aspettava una squadra diversa, ma bisogna sempre considerare le risorse a disposizione…”.

Eppure la squadra è la stessa dell’anno scorso con qualche giocatore in più…
“Si, ma l’anno scorso il Milan arrivò comunque terzo, mica primo. E i sintomi del malessere c’erano già stati. Poi è vero che la squadra non è stata adeguatamente rafforzata”.

Quali analogie vedi col Milan 96/97?
Quella era una squadra sul viale del tramonto. C’erano diversi giocatori come me, Baresi, Savicevic, Simone a fine carriera. Era un Milan da rifondare”.

E questo?
“In questo Milan vedo tanti ragazzi giovani. Pochi adatti alla grande squadra”.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy