Milan vittorie e reti involate, la difesa torna a respirare

Due vittorie e niente gol, la difesa respira

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

I rossoneri sono reduci da due importantissime vittorie. Fiorentina-Milan 0-2 e Milan-Chievo 3-0. Due vittorie che non significano solo 6 punti, ma anche 180 minuti senza subire gol.

La squadra di Clarence Seedorf  aveva ottenuto un risultato simile a febbraio vincendo in casa col Bologna grazie ad una rete incredibile di Mario Balotelli e in seguito nella trasferta con la Sampdoria, dove si impose con un netto 0-2 coi gol di Adil Rami e Adel Taarabt. A febbraio tuttavia seguirono tre sconfitte e la contestazione dei tifosi dopo il 2-4 contro il Parma di Donadoni. La nuova striscia positiva, a cui si aggiunge il pareggio con la Lazio, adesso ha bisogno di trovare continuità. Non saranno ammessi altri scivoloni, soprattutto se non si vuole abbandonare la speranza di poter accedere all’Europa. I rossoneri al momento sono a 42 punti e vedono il sogno UEFA occupato da Inter e Fiorentina, ma anche altre 5 squadre stanno lottando per uno spazio nella competizione europea e sono tutte davanti al Milan. Serve quindi continuità e la difesa, costantemente sotto esame e ancora orfana di De Sciglio, deve restare concentrata e non lasciarsi sorprendere troppo facilmente come avvenuto in passato. I rossoneri hanno subito 43 gol da inizio stagione, un numero troppo alto e troppo vicino a quelli segnati, 47 che non sono in grado di sopperire alle lacune difensive.

Lunedì 7 aprile sarà la volta del Genoa a Marassi, i ragazzi di Seedorf devono sfruttare questa nuova sfida come un’opportunità per trovare equilibrio, ritmo e fortificare i risultati ottenuti nelle ultime gare.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy