Lotta al quinto posto, una bagarre a sei contendenti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

La lotta al quinto posto entra nel vivo, e, a quattro giornate dalla fine, con un derby della Madonnina ancora da giocare, tutto può ancora succedere all’interno del gruppone di sei squadre che si contende l’ultimo posto utile per l’accesso diretto all’Europa che (poco) conta. Le sei squadre sono capeggiate dall’Inter a 56 punti, alla quale seguono distanziate Parma e Milan a 51, che a loro volta precedono di due punti un plotone a tre composto da Hellas Verona, Torino e Lazio. Tutte nello spazio di 7 punti. E, con scontri al vertice per Milan e Inter (rispettivamente Roma e Napoli alla prossima, oltre allo scontro diretto fra due settimane e a Inter-Lazio alla penultima), fare 12 punti per Verona, Lazio e Torino potrebbe voler significare ticket d’ingresso per l’Europa League del prossimo anno. Quindi nessuno, per il momento, è matematicamente tagliato fuori.
Ma vediamo un po’ cosa è successo ieri. Due scontri diretti erano in programma, con l’Inter che andava in trasferta sul difficile campo del Parma e Lazio e Torino a sfidarsi a Roma per il reciproco sorpasso. Le altre due sfide vedevano il Milan ospitare il Livorno in casa e l’Hellas Verona fare visita all’Atalanta a Bergamo.
L’Inter, con un colpo di testa di Rolando, colpevolmente lasciato solo dalla difesa del Parma, in apertura di secondo tempo e con un potente tiro di Guarin in chiusura di seconda frazione porta a casa tre punti contro una diretta inseguitrice che, con una vittoria, avrebbe potuto sopravanzare i nerazzurri in classifica. Lazio e Torino mettono invece in scena uno spettacolare 3 a 3 nel soleggiato pomeriggio romano del sabato pre-pasquale con la gara che si accende nei minuti finali quando, sul 2 a 2, al minuto 89 il capocannoniere della Serie A Ciro Immobile porta in vantaggio il Toro; Toro che viene però raggiunto dalla rete del pari di Candreva al 94esimo. L’Hellas conquista invece i tre punti con un super-Toni in forma “mondiale” che segna la rete del momentaneo 2 a 0, prima della marcatura di Denis che accorcia le distanze portando il risultato sul 2 a 1 finale per gli scaligeri.
Insomma, una volata entusiasmante che ci riserverà sorprese e, speriamo, consegni ai rossoneri la possibilità di giocare in Europa anche dopo una stagione negativa come quella che stiamo vivendo.