Honda ha invertito la rotta: ora può diventare un fattore determinante per il Milan

honda milan-verona (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Le ultime quattro partite giocate da titolare, con prestazioni in crescendo culminate col gol decisivo di lunedì a Marassi contro il Genoa. Una media voto che, dopo i ripetuti quattro e cinque dei primi tempi, è salita a 6,25. Sono i segnali della ripresa di Keisuke Honda, che finalmente pare aver capito come si fa per figurare degnamente in una delle squadre più blasonate del mondo e nel campionato tatticamente più complicato del globo. Certo, la strada per raggiungere il top è ancora lunga e tortuosa, ma almeno il nativo di Settsu può guardare al futuro con un pò più di serenità. Secondo la Gazzetta dello Sport, il merito principale dell’ex CSKA è l’aver compreso la necessità di dover fare le due fasi, impegnandosi, dunque, anche nei ripiegamenti difensivi e dando manforte al centrocampo, cose dalle quali è sempre stato esentato, sia con i russi che in Nazionale.

Del resto, Honda è molto apprezzato in tutto l’ambiente rossonero per la grande professionalità e l’umiltà con la quale si mette a disposizione di mister Seedorf durante la settimana. L’abbraccio di tutta la squadra dopo il gol contro il Grifone è l’emblema di quanto questo ragazzo stia facendo di tutto, riuscendovi, per inserirsi nel gruppo rossonero, anche imparando a tempo di record l’italiano, grazie ad un insegnante personale che gli impartisce lezioni due volte a settimana. Insomma, il Principe di Osaka vuole dimostrare a tutti, in patria e qui in Italia, di essere un giocatore da Milan e la speranza dei tanti supporters rossoneri è che Galliani ci abbia visto lungo anche stavolta, quando ieri, ai microfoni di SpazioMilan.it ha detto: “E’ il miglior giocatore d’Asia, bisogna avere pazienza, è un giocatore importante. Sono sicuro che con il tempo legittimerà la scelta di dargli la maglia numero 10“.