Sala: “Ora il Milan ha equilibrio e difesa solida. El Shaarawy straordinario, Abbiati non merita le critiche”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Queste le dichiarazioni rilasciate nel corso di “Studio Milan”, a Milan Channel, da Luigi Sala, ex difensore (anche) del Milan: “Quella di ieri sera, dal punto di vista del gioco, non è stata una partita perfetta per il Milan, ma in questo momento è fondamentale vincere. La squadra ora ha equilibrio, la difesa solida e giocatori come Kakà e Taarabt bravi a sacrificarsi. L’Europa League è un obiettivo alla portata. Balotelli ha la capacità di tirare con grande velocità, ha un tiro formidabile e contro il Bologna ha segnato un gol impressionante. Taarabt ha grande forza fisica, salta sempre l’uomo e può diventare di alto livello. Poca presenza in area di rigore? Se Seedorf decide così sa quello che fa, visto che ha il polso della situazione e vede i giocatori tutta settimana. In questo senso uno come Abate potrebbe trovarsi a suo agio, non so perché sia stato defilato, visto che è anche migliorato nei cross”.

Su Abbiati: “Abbiati è un professionista esemplare, sono contento per lui perché tante delle critiche che riceve non le merita: sta dando ancora molto a questa società. Criticarlo è sempre sbagliato, ma è anche giusto che i rossoneri si guardino attorno per cercare un nuovo portiere, ma non è così facile che sia migliore. Il Milan, al di là delle polemiche, ha una rosa significativa, sono convinto che Seedorf mette sempre in campo chi secondo lui sta al 100%: ci sta non essere sempre brillanti, ma drammatizzare su un 1 a 0 per il Milan mi sembra troppo”.

Su El Shaarawy:El Shaarawy un giocatore straordinario, quando c’è è fondamentale per il Milan. Avere intoppi del genere alla sua età è un peccato per la crescita, ma può essere l’acquisto più bello per tutti. E’ un giocatore che se parte esterno per accentrarsi è devastante, il 4-2-3-1 è un modulo ideale. Ha una forza fisica straripante, ha fatto anche il terzino: ha forza e stimoli”.