C’è un Ricky che reclama spazio: tutti i numeri della stagione di Saponara

saponara 2 milan-fiorentina (Spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Riccardo Saponara resterà, forse, uno dei misteri irrisolti di questa difficile annata rossonera: acquistato per essere il “nuovo Kakà” e per dare qualità al reparto offensivo rossonero, il trequartista forlivese ha deluso tutte le aspettative, non confermando quanto di buono fatto vedere solo lo scorso anno con la maglia dell’Empoli.

Tormentato nella fase iniziale della stagione da una fastidiosa pubalgia, Saponara indossa per la prima volta la maglia del Milan nel match esterno del 27 ottobre contro il Parma (risultato finale 3-2 per i ducali): l’allora tecnico rossonero Allegri, manda in campo il giocatore classe ’91 all’88. La seconda apparizione di Saponara avviene nella gara casalinga contro la Fiorentina del 2 novembre (risultato finale 0-2 per i viola): Riccardo disputerà solo i 21 minuti finali. L’esordio da titolare per il trequartista ex Empoli avviene nel delicatissimo match del 22 dicembre contro l’Inter: Saponara illumina la manovra rossonera con lampi di classe e resterà in campo per 75 minuti. Un nuovo problema fisico (tendinite) tiene il giocatore lontano dal campo per oltre un mese: Riccardo tornerà infatti a calcare l’erba solo l’1 febbraio, per 16 minuti, nella gara casalinga contro il Torino. La seconda gara da titolare arriva per Saponara nella gara esterna contro la Sampdoria, dove il giocatore disputa solo 57 minuti. La settimana successiva, il 2 marzo, arriva a San Siro la Juventus ed il trequartista subentra al 53° minuto in sostituzione dell’infortunato Poli. Veniamo ai giorni nostri, con la gara di sabato Santo contro il Livorno: il forlivese ha giocato solo i 9 minuti finali. In totale quindi, Saponara ha disputato in stagione solo 2 gare da titolare e 5 volte da subentrato per un totale di 219 primi.

Ricordiamo che il cartellino di Saponara è in comproprietà tra Milan e Parma. Proprio i ducali potrebbero essere la futura destinazione del giocatore, soprattutto per permettergli di fare esperienza.