Aldo Serena: “Balo non ha ancora capito che…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Mario Balotelli rimane nell’occhio del ciclone. Ai microfoni di Tuttosport, anche l’ex giocatore Aldo Serena ha analizzato l’ultima performance e i recenti atteggiamenti del centravanti rossonero: “Contro la Roma, secondo me, è stato condizionato dal pubblico: lo beccavano in continuazione e lui si è innervosito. Di fatto, Balotelli ha giocato poco: non si è mosso bene e ha toccato pochi palloni. Inoltre, è apparso molto teso: quando entrava in contatto con gli avversari, si buttava per terra. Direi che la sua è stata una prestazione negativa“.

Sulla reazione di Mario alla sostituzione: “Se una persona è tranquilla e in armonia con l’ambiente e con i compagni, è più facile che non accadano queste cose. Poi, in settimana c’è stato anche l’episodio con i poliziotti, a Brescia. Credo che queste siano situazioni che, in qualche modo, incidono”. E ancora: “Se a una persona piace fare la star, deve sapere convivere con onori e oneri. Secondo me, Mario non ha ancora compreso tutto questo. Invece, deve capirlo al più presto: se vuole vivere con un profilo basso, deve avere un atteggiamento basso“. Sulle discussioni successive alla partita: “E’ tutto consequenziale. Balotelli percepisce il mondo come un nemico. Invece di chiedere come mai alcune cose accadano sempre a lui, dovrebbe farsi un esame di coscienza“.

Sulla possibilità che Balotelli possa diventare un top player: A fine carriera potremo dire chi è stato Balotelli, se un top player, un giocatore normale, una promessa mancata o un campione del mondo. Lui deve gestire il suo futuro. Ha fisico, tecnica e potenza: ha le qualità per essere un grande giocatore, ma è lui che deve dimostrarlo gara dopo gara“. Sulla sua utilità al Milan: “Su Balotelli c’è sempre un punto di domanda. Ci si chiede sempre che tipo di atteggiamento avrà“. In merito alla possibilità di una convocazione per il Mondiale: “Io non lo caricherei di tutta questa pressione. Un giocatore aiuta una squadra a vincere, ma ha comunque bisogno dell’aiuto di tutti i suoi compagni. Poi c’è sempre un ricambio in panchina“.