Balotelli e Pazzini insieme, l’idea è finalmente una soluzione logica

balotelli pazzini milan-bologna (Spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’idea Seedorf non l’ha mai scartata, però nemmeno proposta per “mancanza di alternative”. Difficile confutare il (colpevole) dato di fatto, legittimo non essere d’accordo. Balotelli e Pazzini, insieme: storia di una convivenza tattica piena di intoppi. Le cessioni di Matri e Niang, unite al nuovo 4-2-3-1, hanno ridotto l’attacco e messo a nudo un reparto cruciale, rimasto formidabile a livello tecnico ma anche scarso nei numeri.

Tifosi e stampa lo chiedono e propongono a gran voce: vogliono vedere il Pazzo in campo dal 1′, al fianco di SuperMario. E la ragione è semplicissima: così, il Milan è solo più forte. Una coppia benefica, una coppia di gol, temibile e funzionale. Una soluzione piena di polvere, ma che nel prossimo derby potrebbe finalmente trovare senso. Balotelli è il solito ago della bilancia, fuoriclasse con i piedi ma imprevedibile nella testa: se gioca come sa, l’Inter lo subirà. Arriverà all’appuntamento fresco di polemiche, dopo i gesti e le parole dell’Olimpico: domenica è l’occasione perfetta per dimostrare che Mario può essere diverso, superando errori e debolezze. Sarà una sfida speciale, un big match d’oro per tornare alla ribalta. Lo vivrà da ex, come Pazzini: rapace d’area e mai scontato, lottatore affamato. Basta aspettare, coraggio e fiducia.

Sensazioni dell’ambiente che Seedorf conosce e rispetta, consigliate (o forse imposte) ufficialmente dalla società. L’olandese sarà libero di scegliere, nello scacchiere di domenica sera è molto probabile che Balotelli e Pazzini giochino a stretto contatto, dall’inizio. Per comandare Milano.