E adesso come lo cacci?

seedorf 3 milan-inter (Spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Strano personaggio, Clarence Seedorf. Prima dentro, poi fuori, ma comunque sempre al limite. Una settimana sul filo del rasoio, tra polemiche dal sapore di esonero e l’approdo verso un derby che mai come ieri ha costituito un banco di prova imprescindibile. L’umore, inutile negarlo, non era dei migliori e le domande erano davvero tante: perché sollevare un polverone simile alla vigilia di una sfida così delicata? La squadra saprà ricaricarsi ed isolarsi? Ma i giocatori lo seguono?

Lo seguono, eccome se lo seguono. Questo derby, infatti, ha la firma autoritaria e grintosa di Nigel De Jong, l’uomo di cui il tecnico olandese si fida ciecamente. L’uomo che non l’ha mai abbandonato, anche nei giorni di difficoltà e smarrimento più totali. Significativo e molto meno casuale di quanto possa sembrare, questo finale di partita e di serata.

Il gioco ha latitato, la squadra ha ancora dimostrato evidenti carenze colmabili soltanto attraverso un mercato oculato, ma il tecnico, nonostante ciò, dal derby vinto ieri sera per 1-0 ne è uscito rinfrancato. Perché, a differenza dello sconsolato e quanto mai pericolante collega nerazzurro Walter Mazzarri, ha interpretato bene la partita, dall’inizio alla fine. Perché imbrigliare il centrocampo dei cugini e non lasciare un solo pallone giocabile a Palacio a Icardi era molto meno banale e scontato di quanto possa apparire adesso, a parole. Perché vincere un derby è sempre un biglietto da visita di tutto rispetto, a prescindere.

E adesso? Adesso parlare di esonero diventerà molto, molto più difficile. Soprattutto se l’olandese saprà dare continuità di risultati al Diavolo ritrovato e riuscirà a portarlo verso una qualificazione europea che al suo arrivo era paragonabile ad un’impresa proibitiva. A quel punto chi potrebbe fermarlo più?