Zambrotta svela Allegri: “Non tutti erano dalla sua parte. Con Ibra venne quasi alle mani”

kaka zambrotta chiasso-milan (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Un fiume in piena Gianluca Zambrotta durante la presentazione del suo libro “Una vita da terzino”. Dal palco della Feltrinelli, microfono in mano e tanti aneddoti interessanti, in particolare sulla gestione Allegri: “Problemi con il Mister? Non al primo anno, ma al secondo quando abbiamo perso lo scudetto per una gestione sbagliata dello spogliatoio. Devi avere tutti i giocatori che remano nella tua parte per vincere, lui invece in una gara decisiva disse chiaramente che se avesse avuto solo 14 giocatori per lui era lo stesso. E gli altri allora? In quell’occasione abbiamo perso lo scudetto. Mi sono guardato con Ibra per dire: ma cosa sta dicendo? E poi abbiamo perso lo scudetto”.

Nella sconfitta di Champions contro l’Arsenal: “Dopo aver perso 3-0 ci disse “Bravi ragazzi, non fa niente”. Non fu una grande mossa. Ibra si arrabbiò e quasi vennero alle mani nello spogliatoio“.

Per quanto riguarda il suo arrivo in rossonero: “A Barcellona era arrivato Guardiola, avevo ancora due anni di contratto, però l’importante era trovare unione con mia moglie, per questo ho scelto il Milan”.