Barbara Berlusconi: “Presidente FIGC? Ci vogliono quarantenni preparati”

La FIGC è in piena fibrillazione per l’elezione del nuovo presidente federale che dovrà prendere il posto di Abete e pare che in pole position ci sia l’attuale presidente della LND, il 70enne Tavecchio.  Barbara Berlusconi ha rilasciato alcune dichiarazioni all’ANSA su questo tema, evidentemente contraria alla scelta di un presidente così anziano.

Ecco la ricetta della figlia del presidente rossonero: “Secondo me ci vogliono quarantenni preparati, il nostro calcio ha bisogno di dirigenti giovani per potersi rilanciare. Dopo due Mondiali in cui non abbiamo superato il primo turno e dopo che un campionato non ricco come quello portoghese ci ha superato, è giunta l’ora di cambiare“.

Ancora Barbara: “Quell’attuale è una governance litigiosa, bloccata dai veti reciproci, che non funziona, non ha visione, non programma e non ha a cuore la promozione del calcio italiano nel mondo. Mentre gli altri Paesi conquistano quote di mercato in Asia e Medio Oriente“.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy