Ecco il bilancio stagionale del settore giovanile

MILANO – Si è chiusa ieri una stagione importante per il Settore Giovanile del Milan, dopo l’ultimo match disputato dai Giovanissimi Nazionali di Bertuzzo nella semifinale scudetto. Un anno pieno di vittorie importanti, di cadute e di risalite, di sacrifici e soddisfazioni: questo è il calcio e questo è sicuramente il cammino giusto per crescere come uomini e calciatori. Il settore giovanile rossonero può dunque ritenersi estremamente soddisfatto, non solo per i risultati conseguiti, ma soprattutto per la crescita e i miglioramenti significativi avuti dai suoi ragazzi. Ogni giocatore si è distinto per carattere, determinazione ed orgoglio di indossare la maglia del Milan, in tutte le categorie del calcio giovanile.

La Primavera di Pippo Inzaghi ha chiuso a testa alta una stagione importante uscendo ai play off contro l’Udinese dopo il terzo posto in campionato. Ai rossoneri rimane il rammarico di non aver giocato le Final Eight, ma la vittoria del Viareggio, la miglior prestazione italiana in UEFA Youth League, le vittorie esaltanti contro Inter e Ajax (per citarne alcune), sono le gemme di un anno emozionante. Una stagione sicuramente formativa per i ragazzi di Pippo Inzaghi, che ha visto la crescita importante di tanti giocatori, ora pronti per il salto nel calcio professionistico.

C’è tanta soddisfazione anche per la stagione disputata dagli Allievi Nazionali di Mister Danesi, fantastici nonostante la delusione per il titolo sfumato solo ai calci di rigore contro l’Inter. Un campionato sempre in crescendo, la maturazione di tanti ragazzi e le prestazioni di cuore e carattere alle Final Eight, meritano tanti applausi e fanno ben sperare per il futuro.

È stato un anno esaltante anche quello degli Allievi di I/II Divisione di Cristian Brocchi, bravi in Italia e all’estero. Primi nel proprio campionato con dieci punti di vantaggio sull’Inter seconda in classifica, i ragazzi classe ’98 del Milan hanno impressionato tutti gli addetti ai lavori per le proprie qualità. Qualità evidenziate anche dalle tantissime convocazioni in nazionale, ma anche dalle belle vittorie nei tornei disputati. L’ultima delle quali al Trofeo Ferroli di San Bonifacio, dove i rossoneri si sono imposti in finale contro il Real Madrid, “vendicandosi” così della sconfitta in semifinale all’Al Kass International Cup dello scorso Gennaio.

Sono cresciuti giorno dopo giorno anche i Giovanissimi Nazionali di Roberto Bertuzzo. Dopo un campionato chiuso al terzo posto, i giovani rossoneri hanno raggiunto le Final Eight, superando brillantemente la Reggiana nei Sedicesimi di Finale e la Fiorentina agli Ottavi. Il cammino alle Final Eight è stato molto positivo, con le vittorie contro Parma e Trapani. La sconfitta in semifinale contro la Roma non cancella il grande lavoro di Mister Bertuzzo e i miglioramenti fatti partita dopo partita da una squadra entrata tra le migliori quattro squadre d’Italia, attraverso un gioco sempre propositivo e di qualità.

Anche le squadre dell’attività di base possono dirsi pienamente soddisfatte della stagione appena conclusa. I Giovanissimi classe 2000 di Riccardo Monguzzi hanno chiuso terzi in campionato, ma distinguendosi per le prestazioni offerte e la crescita del gruppo, che l’anno prossimo affronterà il salto nell’attività agonistica, disputando il campionato Giovanissimi Nazionali. Meritano un applauso anche i Giovanissimi 2001 di De Vecchi. C’è un pizzico di delusione per non avere potuto festeggiare fino in fondo una stagione ricca di progressi e ottimi risultati: in testa per 29 giornate, i giovani rossoneri hanno chiuso al secondo posto il campionato superati all’ultima giornata dall’Atalanta, ma le premesse sono senz’altro buone e c’è la consapevolezza che continuando a lavorare si potranno fare grandi cose in futuro. Non sono da meno gli Esordienti 2002 di Morin che hanno vinto sei tornei su otto disputati tra cui il prestigioso “Tournement Z.Z.F. PAASTOERNOOI”di Voorschoten (Olanda).

Bravissimi anche gli Esordienti 2003, arrivati a fine stagione con nove vittorie nel campionato primaverile e strepitosi risultati nei tornei a cui hanno partecipato: su otto tornei, sette vittorie e un terzo posto. Tra tutti i trionfi, il più bello è forse quello nell’International Cup Liège 2014, torneo prestigioso giocato in Belgio. Bene anche le categorie più giovani del vivaio rossonero: i Pulcini 2004 hanno ben figurato in diversi tornei nazionali totalizzando ben 6 primi posti, superando in finale squadre del calibro di Atalanta ed Inter al Torneo Città di Crema e Juventus al Memorial Griffante. Da evidenziare anche l’ottima prova al torneo internazionale di Valladoid (Iscar Cup) dove, dopo aver sconfitto Barcellona e Atletico Madrid, si sono arresi solo in finale al Valencia.

I piccoli Pulcini 2005 di Andrea Biffi hanno ad conquistato tutti i tornei fin qui disputati (ben 16), battendo in Italia tutte i principali Club professionistici, mentre all’estero si sono imposti vincendo tutte le finali, senza mai subire una rete, superando avversari del calibro di: Bayern Monaco, Borussia Dortmund, Anderlecht, Herta Berlino, Dinamo Zagabria, Borussia M’gladbach. (Fonte: AcMilan.com)

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy