Agazzi non sfrutta il primo test, male la prima

Agazzi Albertazzi
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Nel Milan che prende cinque gol dal Manchester City e che rimedia l’ennesima figuraccia nella Guinnes Champions Cup, c’è veramente poco da salvare, veramente poco da ricordare, anzi sarà meglio dimenticare tutto in fretta e continuare, tornare a lavorare sodo. Male davanti, male a centrocampo, malissimo in difesa e in porta. Uno degli osservati speciali della gara contro i citizens era proprio il portiere Micheal Agazzi, uno dei pochi volti nuovi in questo scorcio di preparazione a Milanello.

Arrivato dopo la rottura con il Cagliari e gli ultimi sei mesi in prestito al Chievo, l’estremo difensore ha indossato la maglia numero uno (quella lasciata libera da Amelia) e si è messo a disposizione della squadra. Questo precampionato servirà ad Inzaghi per capire chi tra lui, Abbiati e Gabriel sarà il più pronto per partire come titolare alla prima di campionato. Così, quindi, nelle amichevoli fin qui disputate, stesso spazio, stessa possibilità di esprimersi per i tre guardiani della porta rossoneri. La partita di ieri contro il City, però, toglie tantissimi punti (in questa ideale corsa a tre) ad Agazzi.

Male, malissimo, addirittura imbarazzante in alcune occasioni. Sicuramente i cinque gol presi e la figuraccia rimediata dai rossoneri non può essere imputata solo a lui, ma molte sono le sue colpe in almeno due dei cinque gol. Sulla prima rete di Jovetic si fa sorprendere sul suo palo e non pare attentissimo. Nel secondo e nel terzo non ha particolari colpe, ma sul quarto il gol se lo fa lui, facendo finire in rete (dopo la sua deviazione) un tiro centrale. Malissimo anche con i piedi con i suoi rinvi che difficilmente arrivano a destinazione. Male la prima per Agazzi che, però, avrà tempo e modo per rifarsi e per dimostrare di essere da Milan.