SM ESCLUSIVO/ La Primavera di Brocchi: “Filosofia e divertimento, ecco il mio programma. Inzaghi? Serve fiducia per il bene del Milan”

Cristian Brocchi (Twitter)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Concentrato come sempre, l’obiettivo è prefissato. La strada è lunga, ma Cristian Brocchi sa benissimo come affrontarla. A partire dal ritiro di Temù, in Val Camonica, dove la sua Primavera, a pranzo e cena, si unisce alla Berretti di Stefano Nava nel comprensorio di Ponte di Legno.

Mister, come stanno procedendo i primi giorni di ritiro?
Ho trovato un gruppo di ragazzi seri, che ha grande attenzione per quella che è la nostra richiesta. Non mi stanno facendo per niente faticare, c’è grande disponibilità da parte di tutti verso l’apprendimento di filosofie e concetti che io voglio insegnare“.

Quali differenze ha carpito tra i suoi Allievi e questo gruppo?
Uno-due anni in più in questo percorso di vita incidono a livello di gestione del proprio io: quando hai 15-16 anni, pensi già di essere grande quando invece non lo sei. Quando ne hai 17 e 18, sei più vicino al grande calcio e te ne rendi conto. Ti viene tutto più naturale“.

Le condizioni dei ragazzi dopo i primi carichi?
Il gruppo l’ho trovato bene, con tanta voglia di migliorare. Molti di loro hanno logicamente ancora l’amaro in bocca per la stagione passata e questo dovrà essere uno stimolo in più“.

Cosa fare per migliorare le difficoltà del dopo Viareggio?
L’anno scorso è stata una stagione diversa, per i molteplici impegni che in un certo periodo hanno dovuto affrontare. Quest’anno ci sarà la possibilità di avere un po’ di recupero in più tra una gara e l’altra. Se loro seguiranno il nostro programma di lavoro, potranno affrontare la stagione ai massimi livelli“.

E su cosa si fonda il suo programma?
Su una filosofia di gioco ben riconoscibile: voglio che le mie squadre scendano in campo per comandare il mio gioco. L’obiettivo numero uno è vincere, vincere attraverso una certa filosofia che sarà riconosciuta da chi ci verrà a vedere“.

Cosa pensa delle novità sui fuori quota (riduzione da quattro a tre dopo il braccio di ferro tra piccoli e grandi club, ndr)?
Le squadre che vogliono rimanere a quattro sono quelle che si nascondono dietro al fatto di avere dei giocatori inseriti in prima squadra da far poi giocare in Primavera. È molto più importante formare i giovani che vincere a tutti i costi e non essere in grado di dare dei giocatori al calcio italiano. Dobbiamo formare i calciatori, l’Italia sta avendo problemi economici, non siamo più forti come le altre nazioni e dobbiamo far sì che loro crescano e vadano a fare esperienza anche in categorie inferiori, per essere poi pronti, un giorno, per la Serie A e la Nazionale“.

Ha già deciso chi sarà capitano?
Ancora no, mi sembra giusto deciderlo quando avremo la rosa al completo. Rondanini è il più grande, sarà uno di quelli su cui la squadra punterà per quello che sono le vicissitudini quotidiane, perché ha più esperienza degli altri“.

Come ha visto i ’96 impegnati nella tournée americana?
Li ho visti bene, sono facilitati dal fatto di conoscere Inzaghi. È un valore aggiunto: trovare un altro allenatore poteva essere più difficile. Ho parlato con lui, è molto contento per loro e questa cosa mi dà serenità. So che quando torneranno, la loro esperienza sarà stata determinante“.

E un pensiero sul momento che sta vivendo il suo amico Pippo?
L’ho incontrato prima della tournée e ho notato che già stava tornando un po’ quell’aria giusta a Milanello, quella che non avevo più trovato negli ultimi tempi. Non si può pretendere che in 15 giorni la squadra possa cominciare subito a vincere senza sbavature: quando hai grosse difficoltà, hai bisogno di avere un po’ di tempo per risalire la china e inculcare ai giocatori le tue volontà. Pippo sta facendo un grande lavoro, è ben supportato dai collaboratori, dalla società e in questo momento, anche se è difficile chiedere ai tifosi pazienza, per il bene del Milan bisogna averne“.

Uno slogan per la Primavera di Cristian Brocchi?
Filosofia e divertimento“.