Tutto sull’esterno: tre suggestioni per fare il salto di qualità. Il punto

raduno galliani (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il mercato del Milan in entrata sta viaggiando sui binari ossessivi della ricerca dell’esterno destro offensivo. I nomi che sono finiti nell’elenco dei rossoneri sono infiniti ma per il momento pochi sono stati i fatti concreti. La lista, dopo il trasferimento di Iturbe alla Roma, sembra però essersi a fermata a tre candidati principali: Alessio Cerci, Ezequiel Lavezzi e Nani. Uno di questi dovrebbe andare a completare il tridente voluto da Super Pippo.

Partiamo dal granata. Cerci con Ventura in panchina ha fatto grandi cose nel Torino nelle ultime due stagioni e ha trascinato la squadra di Cairo in Europa League. 26 anni, sembra aver raggiunto la giusta maturazione per fare il grande salto dopo le esperienze negative alla Roma e alla Fiorentina. Tecnicamente indiscutibile, conosce la serie A ed è italiano, elemento da non sottovalutare perché molto gradito al presidente Berlsuconi. Il contratto è in scadenza nel 2016 e per questo il Toro chiede molto per il suo cartellino, almeno 20 milioni, che si potrebbero abbassare con qualche contropartita. L’ingaggio è di 2,5 milioni, non pochi, rappresenterebbero un investimento importante. Su di lui si sta profilando un tesissimo derby di mercato con l’Inter che sul piatto può mettere una fish in più: l’Europa. Rappresenta forse la pista più probabile, bisognerà valutare, nel caso, l’impatto con San Siro, anche dopo il mondiale negativo.

Trasferiamoci in Francia, più esattamente a Parigi, al Paris Saint Germain, squadra in cui milita Lavezzi. L’argentino ha 29 anni, ha giocato un grandissimo mondiale, il migliore dell’Argentina nel primo tempo della finale, e ha paura di finire ai margini della rosa di Blanc se dovesse arrivare Di Maria a Parigi. L’ex Napoli ha grande esperienza internazionale, non soffre le pressioni e ha da sempre manifestato il suo affetto per la città di Milano. L’età non è molto incline con la politica societaria rossonera ma per ripartire e tornare subito in Europa serve gente d’esperienza e che trascini la squadra verso l’obiettivo. In questo il ‘Pocho’ l’ideale, grande professionista e conoscitore della Serie A, per cui non dovrebbe neanche ambientarsi. Spacca le aprite con la sua velocità e cambio di ritmo, l’unico difetto è che non vede tantissimo la porta, sia col Napoli (48 reti in 188 presenze) sia con i campioni di Francia (23 gol in 90 partite). Il contratto è in scadenza nel 2016, lo sceicco non ha problemi finanziari e chiede almeno 20 milioni, a cui bisogna aggiungere l’ostacolo dell’ingaggio. Lavezzi prende 4 milioni, cifra fuori budget per le casse di via Aldo Rossi.

Ultimo, ma non meno importante, è Luis Carlos Almeida da Cunha, meglio noto come Nani, portoghese del Manchester United. E’ un giocatore che piace da anni al Milan, già a gennaio si era parlato di un suo possibile arrivo quando poi si preferì puntare su Taarabt. Il 27enne è forse il giocatore che più stuzzica il popolo rossonero, sia per fama internazionale sia per qualità e fantasia, che potrebbero far impazzire San Siro. Giocatore abbastanza discontinuo che sir Alex Ferguson ha trasformato nel tempo fino a farlo diventare un punto fermo del suo United. Il ragazzo in passato ha manifestato la sua voglia di provare nuovi campionati e questa potrebbe essere l’estate giusta per ripartire, dopo una stagione tormentata dagli infortuni.. Il nuovo tecnico Van Gaal lo valuterà nei prossimi giorni ma non si opporrebbe a una sua cessione, soprattutto dovesse arrivare Vidal all’Old Trafford. Con 15-16 milioni l’affare si potrebbe fare e il Milan andrebbe ad aggiungere una freccia preziosissima al suo arco. E’ l’ipotesi meno costosa e quella più suggestiva. Fisicamente non sembra al top e caratterialmente potrebbe rappresentare una mina vagante.

Ipotesi, idee, suggestioni di metà estate. L’obiettivo del Milan è chiaro, un attaccante esterno arriverà, non sarà facile, i prezzi sono alti e la spada di damocle delle cessioni che non riescono a concretizzarsi pesa terribilmente sul club rossonero.