Tutto ruota attorno a Cristante

cristante milan-atalanta (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Sempre in campo, nonostante difficoltà ed avversari. Bryan Cristante fin qui può vantarsi di un piccolo primato in America: essere l’unico rossonero ad aver giocato tutti i 180 minuti delle (pessime) amichevoli contro Olympiacos e Manchester City.

Aspettando il recupero di Montolivo e soprattutto in attesa di qualche (ne servirebbe più di uno) rinforzo a centrocampo dal mercato, è il giovane classe ’95 il regista di fiducia di Filippo Inzaghi. Una soluzione sensata e per nulla rischiosa, tifata anche dalla gente. La sua stagione è iniziata leggermente dopo il resto dei compagni, per dei problemini fisici ha dato forfait col Renate, ma dal Monza in poi è arrivato. E’ rimasto. Parlare di scommessa non rende merito alla dimensione conquistata da Cristante, a nemmeno 20 anni: giocatore delizioso per qualità e precisione, ambito in Europa. Lo ha cercato soprattutto il Benfica nelle scorse settimane, non una squadra qualunque (sarà in Champions l’anno prossimo), ma il Milan non si è lasciato convincere. Cristante è al centro del progetto tecnico di Inzaghi, una delle poche vere promesse per il futuro.

Ovviamente il rendimento attuale non basta per sfondare, necessari più coraggio e velocità per fare la differenza e guadagnarsi rispetto lì in mezzo. Cristante è adatto, libero di sognare e dal pensiero pulito, merita spazio e molta più considerazione rispetto al passato. Deve semplicemente crescere. Aspettiamolo, diamogli tempo: valorizziamolo.