Inzaghi: “Milan di cuore e senza limiti. Obiettivo: far tornare i tifosi a San Siro. L’Atletico è l’esempio”

“La cosa più importante è ricreare il DNA del Milan. Quando sono venuto qui oggi, ho visto un entusiasmo che mi ha fatto venire i brividi”. Conferenza stampa del raduno, 10 luglio 2014.
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Filippo Inzaghi è stato intervistato in esclusiva da SportMediaset. L’allenatore ha parlato dei suoi primi giorni al Milan: “Ci sono grandi aspettative, questo mi carica ancora di più. Quando uno da il meglio di se stesso ci mette il cuore poi credo che i risultati arriveranno. I tifosi del Milan vedranno una squadra che ci mette il cuore. Rivoglio il Milan di una volta, chiedo un po’ di pazienza io però non pongo limiti. L’obiettivo principale è riportare i tifosi a San Siro. In questi giorni lavoreremo tanto credo molto nel lavoro e nell’organizzazione. Il nostro esempio è l’Atletico, con un allenatore vero, staff vero e giocatori che lo seguivano. I miracoli non si ripetono ogni anno, ma noi faremo al massimo. La società sa benissimo cosa ho chiesto, sanno che per far divertire bisogna prendere giocatori veloci e bravi nell’uno contro uno. Balotelli dopo il Mondiale era triste, tornerà con voglia il 21, in America creeremo la mentalità giusta. Abbiamo uno zoccolo duro importante. So cosa mi potranno dare e come si vince, anche i più anziani dovranno essere bravi“.