Milan-Olympiacos: Niang è il meno peggio, El Shaarawy e Pazzini si nascondono. Ecco i top & flop

SQUADRA: STEPHAN EL SHAARAWY, FILIPPO INZAGHI, ADIL RAMI, MBAYE NIANG
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Inizia male l’International Guinness Cup del Milan, la squadra di Inzaghi è stata battuta con un netto 3 a 0 dall’Olympiacos. Punteggio pesante ma, episodi alla mano, anche meritato, prestazione ben al di sotto delle aspettative per i rossoneri, che hanno lasciato il gioco nelle mani dei greci senza quasi mai attaccare con ordine e pericolosità.

NIANG: è il meno peggio dei milanisti in campo, il migliore in attacco. Si fa vedere, non si risparmia e propone diversi spunti offensivi, pensando ancora troppo a se stesso. Testa bassa sì, ma pedalare ad oggi rimane un parolone. Almeno ci prova, sbagliando spesso. TOP

ALBERTAZZI: bene nel primo tempo, senza traccia nella ripresa. Inizia con impegno, grinta e pulizia, ma serve più coraggio per non limitarsi al compitino. Nuovo e giovane, per adesso guardiamo il bicchiere mezzo pieno. TOP

CRISTANTE: esageratamente impreciso per i piedi che si ritrova, non riesce né a comandare né a mettere ordine lì in mezzo. Anche se pochi, però, i palloni giusti li serve lo stesso e sono pieni di magia. Sconfitta pesante, ma la serata ha dimostrato che Bryan può farsi valere in questo centrocampo. TOP

EL SHAARAWY: il più deludente. E’ suo il primo squillo, poi la batteria si scarica all’istante. Le giocate non riescono, le azioni non arrivano: ha bisogno di fiducia e condizione fisica, pazienza. FLOP

PAZZINI: in area è spesso solo ed isolato in mezzo ai giganti avversari. Prova a dare fastidio ma non si sente, in campo non si è visto e la squadra non l’ha sentito (nemmeno aiutato). FLOP

SAPONARA: un’ammonizione ed una traversa, non male a livello di cronaca. La presenza, quella vera e propria, è mancata: lento e con il freno a mano tirato. La posizione in campo è quasi uno scoop, bisogna cambiare dimensione. FLOP