Da jolly a neo leader, Poli verso la tournée del suo definitivo rilancio

poli milan-bologna (Spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Nella passata stagione ha convinto tutti per duttilità tattica, corsa, spirito di sacrificio, propensione alle incursioni ed agli inserimenti e anche una buona tecnica di base. Nella stagione che è alle porte sarà chiamato a riconfermarsi e, se è possibile, anche a compiere quel salto di qualità che si prevedeva sin dalle prime apparizioni in carriera. Il Milan non se l’è voluto lasciare scappare e lo ha riscattato subito senza perdere tempo, versando altri 2 milioni e mezzo e cedendo tutto Salamon alla Sampdoria per acquisirne l’altra metà del suo cartellino.

Stiamo parlando ovviamente di Andrea Poli, centrocampista ex Inter, tra le altre, che a settembre compierà 25 anni. Un’operazione che in tutto è costata 5,5 milioni e mezzo ai rossoneri. Così, tra le tante incertezze di un reparto pieno di giovani scommesse, giocatori un po’ in là con gli anni e infortunati, Pippo Inzaghi sa di poter contare su una mezzala di sicuro affidamento. Il calciatore ha dimostrato di tenerci alla maglia e di volersi finalmente affermare ed il nuovo tecnico sa di avere un jolly prezioso in mediana che può ricoprire diversi ruoli e svolgere vari compiti, permettendogli anche di poter cambiare modulo a partita in corso.

Le sue qualità saranno essenziali per il modulo ed il gioco di Inzaghi: centrocampo tecnico, che prevede tanti inserimenti senza sosta delle due mezzali. Poli è il profilo perfetto, ideale, anche perché giovane e italiano. a garantire equilibrio. In questo momento, tra gli esperimenti, gli infortuni ed il mercato ancora in corso, appare quasi insostituibile. Il carattere del ragazzo veneto è quello giusto e nella prossima stagione potrebbe fare la differenza anche nello spogliatoio, anche a diventare uno dei leader di una squadra che avrà bisogno di trascinatori, di gente che non si tiri mai indietro per il bene del Milan.