Robinho, da Dubai arrivano i soldi. Per Cerci prove di rinnovo, ma…

robinho (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Sembrano giorni fermi, quasi persi, ma un grande passo in più per definire l’addio di Robinho è in corso proprio in questo momento. L’agente Marisa Ramos è (ancora) a Dubai per mettere al vaglio le 2/3 offerte arrivate dal Medio Oriente verso l’attaccante, la più interessante è quella dell’Al Ahli Club: biennale da 4.5 milioni di euro più bonus. Per sbloccare l’affare ci vorrà ancora del tempo spiega La Gazzetta dello Sport, ma Robinho, rassegnatosi alla possibilità di andare in America e tornare in Brasile, ha deciso: vuole solo gli Emirati Arabi.

Poi si potrà pensare soprattutto ad Alessio Cerci, ma attenzione: secondo Tuttosport il Torino sta insistendo per rinnovare il contratto. La proposta è un prolungamento fino al 2018, massimo 2019, con un ingaggio aumentato e fissato ad 1.3 milioni di euro. Uno sforzo importante dei granata, ma Milan e Monaco, senza grossi problemi, sono già arrivati a 2.5 milioni. Difficilissimo resistere. E in questo senso Cerci preferisce i rossoneri ai francesi. Le dirigenze di Milan e Torino ne avranno sicuramente parlato nel weekend appena trascorso in Versilia: il giocatore mancino rimane in pole per l’attacco, aspettando di liberarsi di Robinho. E’ un mercato ad incastri, raggiungere una soluzione è un’impresa estenuante.

Infine, sta salendo vertiginosamente il grado di interesse per Joel Campbell dell’Arsenal; anche Taarabt è una soluzione. Per fare spazio a qualche acquisto, soprattutto per fare cassa, il Milan sarebbe pronto a cedere Zapata, Zaccardo, Constant ed Essien. O almeno qualcuno.