Amelia e il Milan: “Ottimo rapporto con Galliani. Diego Lopez super. Il mio ricordo più bello…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Marco Amelia si racconta. Intervistato da tuttomercatoweb.com per la rubrica “A tu per tu con…”, l’ex portiere rossonero è ancora alla ricerca di una maglia per la prossima stagione, ma intanto non perde tempo: “Mi alleno a casa mia, ho un centro sportivo nel mio Paese. Gestisco la scuola calcio, mi alleno da un mese e ho due realtà: una di promozione e una di serie D, mi sto allenando con serenità. Ho fatto delle gare amichevoli, dal punto di vista della preparazione ho fatto tutto, anche le amichevoli”.

“Il Milan? Deve completarsi, – continua Amelia –, sono arrivati Alex, Menez, Diego Lopez. E sono stati fatti movimenti in uscita. Come tutti gli anni le rose si definiranno gli ultimi giorni di agosto. Anche quando ero al Milan iniziammo il primo anno senza Ibra e Robinho, che vennero presentati alla prima di campionato. Il mercato si definirà l’ultima settimana. L’addio? Rimane un ottimo rapporto con Galliani, con la dirigenza, con chi lavora a Milanello. Ho un ottimo rapporto con quasi tutti i ragazzi dello spogliatoio. L’addio è stata una mia scelta, c’era anche la possibilità di rimanere. Ho scelto di guardare altrove, vedendo anche le situazioni che c’erano all’interno del Milan. Nessuno andrebbe via dal Milan, a raccontarlo qualcuno magari mi prende per pazzo. Ma mi lascio con un arrivederci”.

Ma intanto il Milan ha preso Agazzi: “Non credo che Agazzi sia stato preso per giocare, non penso sia stato bocciato. Dal mio punto di vista la scelta della società era quella di continuare con Abbiati e avere un portiere alle spalle e Michael magari poteva sostituirlo all’occorrenza un po’ come ho fatto io in questi anni. C’è stata la possibilità di prendere Diego Lopez, un’ottima scelta perché è arrivato un grande portiere. Lo conosco bene, è un ottimo portiere anche dal punto di vista caratteriale. Dà tutto. Ha la mentalità vincente, non molla niente”.

“Le vittorie nei derby, – conclude Amelia sui ricordi più belli in rossonero, lo Scudetto, la Supercoppa, le settimane importanti. L’entusiasmo del gruppo, soprattutto i primi anni. I momenti peggiori? Lo Scudetto perso, quasi regalato, alla Juventus. Potevamo vincere il secondo Scudetto consecutivo. Ma quelle partite contro Sampdoria e Bologna hanno segnato il futuro della squadra.”