Conte: “Balotelli? Non voglio parlare dei singoli, ma voglio uomini prima che calciatori”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Antonio Conte è il nuovo commissario tecnico della Nazionale italiana. L’ex allenatore juventino è stato prestato da Carlo Tavecchio, ecco i tratti salienti della sua conferenza stampa: “Giuseppe Rossi è un patrimonio calcistico, mi auguro e spero che possa risolvere definitivamente i suoi problemi fisici, è un giocatore che spero di avere a disposizione. Balotelli? Non parlo dei singoli, da oggi tutti possono ricevere la convocazione. È inevitabile che la convocazione bisogna meritarsela, io guardo sia quello che accade dentro che, soprattutto, fuori dal campo. Nei momenti di difficoltà gli uomini servono più dei grandi giocatori. Meglio un grande uomo che un ottimo giocatore “.

Riguardo alla sua avventura con la Juventus: “Siamo arrivati ad una naturale conclusione, per il bene di tutti c’è stato questo distacco. Il resto sono fantasie e supposizioni…“. Sulle sue ambizioni con la Nazionale: “La vittoria è una dolce condanna, io vivo per la vittoria. Sapete bene che differenza c’è per me fra vincere e perdere. E’ come vivere o morire. Per due giorni dopo una sconfitta sono in una fase di ‘morte apparente’. Sono arrivato in un momento non facile, ma sono qui per portare la mia mentalità. Devo far capire che c’è differenza fra vincere e perdere o pareggiare“.