El Shaarawy: “Infortunio? Capitolo chiuso, questa sarà la stagione giusta. Sui social, Inzaghi dice…”

20esimo – Stephan El Shaarawy (Milan), 20 milioni
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Non sta più nella pelle Stephan El Shaarawy, la sua voglia di campo e di Milan è pari alla sua fame di vittoria. Ecco il Faraone, intervistato stamane da La Gazzetta dello Sport, pieno di speranze: “Troppa pressione non mi preoccupa, anzi mi stimola. Sono stato fermo a lungo ma sento molta fiducia e stima verso di me e voglio ripagare tutti. Alla pressione replico con l’obiettivo di tornare grande con il Milan e riprendermi la maglia dell’Italia”.

Addio problemi: “L’infortunio è un capitolo chiusissimo, sono pronto a ripartire. Ricominciare a giocare a pallone da protagonista è il desiderio più grande che ho mai avuto in vita mia. Il piede non crea problemi e ho voglia di rivincita e di riscatto”.

Milan, la prossima stagione sarà quella giusta: “Ci sono i presupposti per giocare una grande stagione. Capisco che i tifosi siano delusi, ma le idee di gioco ci sono. Serve pazienza, a fine agosto saremo pronti. Sono fiducioso, c’è lo spirito giusto e tutti si stanno impegnando. L’obiettivo è tornare in Champions, quindi arrivare tra le prime tre, il gruppo se lo merita e i compagni sono determinati al punto giusto. Se giochiamo da gruppo e possiamo sognare, il segreto di tutto è una squadra unita. 4-3-3? E’ il mio modulo preferito”.

A cresta alta: “Per un attaccante il gol è vita, io ci penso sempre, ma adesso mi soffermo sulla condizione. Ho dentro molta voglia, ecco perché mi sono allenato quando i compagni avevano i giorni di riposo e anche durante le vacanze. Sto cercando la condizione ottimale, non è facile alla mia età stare fuori così a lungo ma sono maturato. Le esperienze così fanno crescere e ne esco più forte nella testa e convinto di dimostrare il mio valore. Social network? Li utilizzo perché mi piace avere un rapporto diretto coi tifosi, ma con moderazione: Inzaghi mi ha detto che un uso eccessivo può peggiorare le prestazioni anche del 50%, perché ci si deconcentra. Se ho abbassato la cresta? Sì, giusto una spuntatina di pochi centimetri. Ma non fatevi strane idee: il look resta sempre lo stesso”.

Su Inzaghi: “Inzaghi ha uno spirito di sacrificio enorme e ce lo sta trasmettendo, la sua voglia e il suo carisma ci aiutano. Adesso ci focalizziamo più sulla tattica ma ha un entusiasmo incredibile ed è una gran qualità. A me ha chiesto di curare i dettagli fuori e dentro il campo, come l’alimentazione e il riposo”.

Infine, un passaggio significativo sulla carriera: “Non sono nemmeno al 60% della mia maturazione comunque, ho ancora ampi margini di miglioramento”.