Ce la sta facendo ancora…

raduno galliani (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il calciomercato dell’estate rossonera si sta rivelando, sotto molti aspetti, non molto diverso da quello degli anni precedenti. Gli affari a parametri zero sembrano essere diventanti ormai un leitmotiv quasi noioso e scontato della società milanese ma, se ci si fa un po’ d’attenzione, qualcosa è cambiato.

I nuovi arrivati in casa Milan, senza aver speso rigorosamente un euro per l’acquisto del cartellino, sono: Agazzi, Alex e Menez, ed i più recenti Armero e Diego Lopez. Nel complesso arrivi che vanno moderatamente a rinforzare una squadra che è arrivata ottava nello scorso campionato. Galliani, come sempre, è stato l’architetto: ha saputo cogliere le occasioni, ha saputo sfruttare amicizie (vedi il portiere spagnolo del Real Madrid) per portare a casa elementi di valore. Ebbene, nonostante il budget ristrettissimo, ce l’ha fatta (o meglio, ce la sta facendo, ancora una volta).

Tolti i tre veri e propri acquisti, ossia Rami, Albertazzi e Poli, per i quali si è comunque speso non troppo, la campagna rinforzi è stata caratterizzata nuovamente dall’arrivo degli svincolati (tre su cinque), alcuni dei quali, ed è bene sottolinearlo, hanno un ingaggio non indifferente, basta pensare ad Alex ed a Diego Lopez. Certo, bisogna anche ammettere che gli ultimi due, con Menez, sono calciatori con esperienza internazionale, e dunque di un certo livello. Con Armero arrivato in prestito secco, l’ad rossonero è riuscito a consegnare ad Inzaghi tasselli interessanti.

Galliani continua con questa linea politica, e se negli anni precedenti non sempre era andata bene, questa volta sembra essere quella giusta: i calciatori prelevati a zero, almeno sulla carta, sono funzionali al progetto di squadra del nuovo tecnico; nel complesso, pur non avendo compiuto operazioni esaltanti, il mercato rossonero, fino ad ora, è stato parsimoniosamente intelligente.