milan inzaghi difesa

Un avvio contraddittorio, un Milan umorale e a tratti indecifrabile

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Fabrizio Villa collabora con SpazioMilan.it da settembre 2011, dopo esser stato realizzatore nel 2010 per Sky Sport. E’ opinionista a “Milan Time”, un’ora di notizie rossonere nel palinsesto pomeridiano di Radio Milan Inter (96.1 FM e canale 288 del DTT).

Possiamo serenamente affermare che la stagione rossonera appena iniziata, sia all’insegna del paradosso. L’avverbio ‘serenamente’ è legato all’approccio che consiglierei al tifoso milanista; è l’ennesimo anno zero, le aspettative ragionevoli sono un piazzamento in Europa League (diffidate da chi sbandiera il terzo posto!) e sopratutto, essendo seduto in panchina un pezzo pregiato della Nostra Storia, sarà pressoché impossibile incazzarsi per decisioni tecnico-tattiche fantasiose o comunque non condivise.

Malgrado il campionato sia partito da circa un mese, i fenomeni paradossali ai quali abbiamo assistito, son già molteplici; dopo le prime due giornate e i sei punti conquistati, magicamente, molti scettici si sono subito convertiti in ipersperanzosi. Il mercato aspramente criticato fino al giorno prima, trova in Menez e Bonaventura, giocatori capaci di sovvertire le sorti. Ma non solo, la squadra grazie a Pippo, per alcuni ha già addirittura “cambiato mentalità”. I disillusi-illusi tuttavia, dopo la sconfitta con Juve e il pareggio rocambolesco del Castellani, son ripiombati all’improvviso in un buio più pesto del precedente.

I paradossi però sono innanzitutto da ricercare nelle prestazioni dei Ragazzi. Ci si aspetta la consacrazione di De Sciglio e scopriamo invece il rilancio prepotente di Abate, mai così convinto, mai così apprezzato. La sensazione è che Igna stia studiando per diventare leader; carica i compagni prima dell’ingresso in campo e mette sempre la faccia nei post-partita, indipendentemente dal risultato. Tutto questo con un contratto in scadenza a giugno 2015 e un rinnovo non così scontato.

Parlando sempre di difensori, resta al momento misterioso il motivo che impedisce a Rami di giocare con regolarità. Settimane di tira e molla per averlo a luglio, il giocatore che dichiara il suo amore per il Diavolo riducendosi l’ingaggio, per finire negli ultimi giorni di agosto in una torbida trattativa col Monaco prima e in panchina poi. Sostituito nello scacchiere da chi? Spesso da Bonera, dal quale dopo 8 anni di Milanello ci si aspetta tutto, tranne che la serie tragicomica di errori di Parma e Empoli.
Per concludere, rimane da decifrare la questione della mediana. E’ il reparto numericamente più scarso, sei gli interpreti, comprendendo l’infortunato Montolivo. Le caratteristiche generali, escludendo Monto e Van Ginkel (ancora da decifrare il giovane olandese), sono quelle della corsa, della quantità e del contenimento. Sfortunatamente però, occorre registrare che ad oggi il Milan ha la seconda difesa più battuta della serie A ed è inevitabile imputare qualche colpa anche ai centrocampisti.

In questo contesto Inzaghi, per nostra fortuna, resta realista. Sa che i lavori in corso dureranno ancora per un lungo periodo. Continuerà anche la sequela di paradossi?

Twitter: @fabryvilla84

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy