Modulo Milan: Inzaghi prepara l'attacco

Esigenze e opzioni, 3 moduli nella testa: Inzaghi prepara l’attacco

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Questione tattica, opzioni rossonere. Dalle frecce turbo alla diga creativa, il Milan, grazie al mercato, si scopre dinamico ed eterogeneo. Inzaghi sta studiando i modi per cambiare pelle alla sua squadra, il 4-3-3 non sarà mai figlio unico. L’arrivo di Torres, tatticamente soprattutto quello di Bonaventura, costringe piacevolmente i rossoneri ad esplorare nuovi moduli e soluzioni. Questa l’analisi proposta da La Gazzetta dello Sport.

Iniziamo dal 4-3-3, la base di lavoro del presente. Con la Lazio è stato varato un attacco rapido e di contropiede, profondamente studiato e voluto da SuperPippo al di là dell’assenza di Pazzini. E’ l’impronta giusta per affrontare difese non schierate, con diversi spazi a disposizione: quindi, non con le “piccole” a San Siro per intenderci. El Shaarawy e Menez sugli esterni, Torres al centro; ma è ok anche l’ipotesi dei palleggiatori, con un Honda in più ed uno solo fra il Faraone e l’ex PSG. In tutti questi casi, Bonaventura calza a pennello (escludendo qualcuno). Il Milan di Inzaghi non vuole dare punti di riferimento, ama il gioco offensivo secondo l’avversario di ogni weekend. Ecco, allora, il possibile 4-4-2 di equilibrio e scintille da usare con le provinciali: Torres e Pazzini in avanti, a destra Poli, più a sostegno del centrocampo, e a sinistra Bonaventura, pronto ad accentrarsi ed inserirsi.

Infine, l’ipotesi forse più affascinante e suggestiva, realizzabile ma rischiosa: il 4-2-3-1. Jolly nella manica nei big match, De Jong, uno fra Muntari, van Ginkel o Poli e poi fantasia pura. El Shaarawy, Bonaventura e Menez alle spalle di Torres. L’esperimento senza paura, il Milan si nasconde ma prepara l’attacco.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy