Quando il centrocampo lotta e poi va giù: c’è un problema gestione

Al Bentegodi di Verona, il reparto rossonero che più ha faticato è stato il centrocampo. Priva di un gladiatore insostituibile del calibro di Nigel De Jong, perno del nuovo Milan, la linea mediana presentata da Inzaghi ha messo in circolo impegno, grinta e spirito di sacrificio, ma, specie nella ripresa, ha concesso varchi e ha permesso agli scaligeri di usufruire di numerosi spazi tra le linee. Spazi tra le linee che, nel finale, hanno permesso a Nico Lopez di firmare il gol che avrebbe potuto riaprire la partita.

I tre mediani gettati nella mischia da Pippo erano però partiti abbastanza bene, rimanendo per ampi tratti di gara bassi e bloccati, al fine di fare filtro e densità e proteggere al meglio una retroguardia che si è disimpegnata con tranquillità. In particolar modo, Poli ha alternato con efficacia la fase di interdizione a quella d’inserimento, correndo molto, recuperando un buon numero di palloni e tentando l’incursione nell’area avversaria. Tuttavia, nel quarto d’ora finale del primo tempo e nell’ultima mezz’ora di gara, quando il Verona ha iniziato a premere, i nostri centrocampisti, malgrado abbiano comunque dato il massimo e non abbiano mai commesso errori di posizionamentohanno perso qualche contrasto di troppo e, in alcune circostanze, sono stati superati dai diretti avversari con troppa facilità.

Ecco allora che i difensori centrali e Abbiati, per evitare che il Verona tornasse in partita a tutti gli effetti, hanno dovuto sfoderare un paio di interventi provvidenziali. Scampato pericolo. Prevedendo che i centrocampisti avrebbero incontrato difficoltà, il tecnico rossonero ha ordinato ai mediani di badare in prevalenza alla fase difensiva, limitando i danni a metà campo e cercando di sfruttare al meglio la superiorità sulle corsie laterali. Mossa azzeccata. In questo modo, nonostante l’interdizione sia a tratti mancata, il Milan è riuscito a vincere e (in parte) a convincere. In attesa del ritorno di De Jong. Ritorno che, nel corso delle prossime gare, potrebbe permettere ai rossoneri di aggiudicarsi lo scontro nella zona nevralgica del terreno di gioco.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy