Sei qui: Home » Copertina » Dal Tim al Berlusconi, ma ad El Shaarawy manca il vero Trofeo…

Dal Tim al Berlusconi, ma ad El Shaarawy manca il vero Trofeo…

Domani il Milan affronterà il San Lorenzo per il “Trofeo Berlusconi”. Una rarità giocarlo a novembre, così come inusuale sarà vedere El Shaarawy partire titolare in mezzo alle seconde linee.

Il Faraone completerà il tridente con Pazzini e Niang: tre grandi delusi di questo inizio di stagione. Ma se per l’ex Inter e per il francese ci si aspettava un’annata difficile per la forte concorrenza, diverso è il discorso per il numero 92. In estate sono state dette tante parole su di lui, sulla sua voglia di riscatto dopo gli infortuni e sulla stima di Inzaghi che doveva metterlo al centro del suo Milan. Il vero El Shaarawy però, fino a qui, lo si è visto solo contro la Lazio. Poi un problema muscolare, l’esplosione di Menez e Honda e  solo tante arrabbiature e musi lunghi al momento delle sostituzioni. Il mister non ha modificato il parere che ha di lui ma è anche vero che il campo sta dicendo ben altro. El Shaa si danna l’anima, rincorre gli avversari fino a fondo campo ma in avanti non riesce a essere più incisivo come prima e soprattutto c’è un dato allarmante e fondamentale: il gol gli manca da un anno e mezzo, dal derby del 24 febbraio 2013.

LEGGI ANCHE:  Primavera Milan, Gala esce allo scoperto: "Ho un sogno!"

In principio si era detto che la sua involuzione tecnica era dovuta alla presenza “ingombrante” di Balotelli, poi ci si è messo di mezzo il problema al piede che di fatto gli ha fatto perdere tutta la scorsa stagione. Ora però sta bene, le scuse stanno a zero. Contro il Palermo ha cercato di dare vivacità a un reparto moribondo ma anche contro i rosanero la porta è rimasta inviolata. L’occasione di domani deve essere sfruttata e non snobbata come un’amichevole. Un gol, anche in partite così, può essere fondamentale e può far ritrovare al ragazzo la fiducia e la ferocia di due anni fa.

In questa stagione il suo nome nei marcatori lo si è visto solo nel trofeo Tim in estate: altra amichevole e chissà che non sia di buon auspicio e che il “Berlusconi” non faccia rinascere Stephan!