Sei qui: Home » Ipse dixit » Iachini sprona il Palermo: “Vinciamo come nel 1994”

Iachini sprona il Palermo: “Vinciamo come nel 1994”

Nel posticipo di domenica alle 20.45, il Milan trova il Palermo di Iachini. Il mister rosanero in conferenza stampa ricorda la vittoria nel 1994: “Vincere contro una squadra come il Milan per quel Palermo fu incredibile. È sicuramente un bel ricordo ed una grande soddisfazione. Quando si segna una pagina importante per una società è sempre molto bello, andando avanti però bisogna voler continuare ad ottenere risultati di questo tipo, sia per la società che per l’ambiente”.

E ancora: “Mister Inzaghi mi piace, al di là che lo conosco e con cui ho un ottimo rapporto. Il Milan sta sfruttando al meglio le caratteristiche dei giocatori che ha a disposizione. sta portando avanti un discorso che in quella società è sempre esistita come la difesa a 4 e il grande valore dei giocatori nella fase offensiva. Sta dando continuità a un progetto offensivo che va avanti da anni e nella maniera giusta. In ogni modulo ci sono svantaggi o vantaggi, dovremo essere bravi a coniugare le varie superiorità numeriche in campo, avere personalità nella gestione della palla. Il Milan ha giocatori molto forti nella tattica individuale, nell’uno contro uno e nel saper creare la superiorità numerica. Dovremo fare grande attenzione al particolare, essere bravi a non concedere nulla. Le qualità di tutti i giocatori offensivi del Milan sono eccellenti, sia in difesa che a centrocampo, che in attacco. Ci vorrà un Palermo perfetto, la minima sbavatura ci può costare cara. Il Palermo è in linea sulla sua tabella di marcia. Nessuno può dire che non meritassimo qualche punto in più per quello che abbiamo visto sul campo e staremmo parlando di un grandissimo percorso e per quello che poteva essere l’inserimento in un campionato nuovo come la Serie A. Maresca? Problemi non ne ha, può essere uno dei candidati. Aumentando la personalità, l’autostima, credendo di poter andare a fare quello che facciamo in genere quando facciamo le nostre partite abbiamo in questa categoria il dovere di fare il nostro. Solo così possiamo pensare di andare a fare risultato. Come fatto con Inter, Napoli e Lazio”.