Inzaghi: “E’ il miglior Milan della stagione. Ho sentito Berlusconi, è euforico”. Le sue parole a Sky Sport, Premium e Milan Channel

Queste le dichiarazioni rilasciate da Filippo Inzaghi dopo Milan-Udinese a San Siro.

SKY SPORT

E’ l’ultima volta che rispondo su Menez: è una prima punta, con caratteristiche sue. Anche io ero diverso da Sheva, ma eravamo lo stesso due centravanti. Menez è molto veloce. Alla squadra non ho chiesto di vincere a tutti i costi ma di ripetere le due prestazioni con Samp e Inter dove, lo dicevano tutti, meritavano i 3 punti. Oggi alla fine del primo tempo ho rimarcato questa cosa. Ma con il gioco e il lavoro si ottiene questo, sono molto felice. E’ stata la miglior partita della stagione: per occasioni e gioco: chi è venuto allo stadio si è divertito. Il nostro obiettivo è anche questo: riportare la gente a San Siro e far sorridere il presidente Berlusconi, che è euforico. Mi ha chiamato prima e dopo, durante ha telefonato a Galliani perché stava apprezzando quello che stava vedendo. Siamo sulla strada giusta. Ci sono tanti motivi di soddisfazione, c’erano giocatori all’esordio che si sono allenati sempre bene. Quando dico che l’atmosfera di Milanello è fantastica è proprio per questo, perché oggi chi aveva giocato poco ha risposto presente: contento per van Ginkel e Armero, van Ginkel arrivava da un lungo infortunio. Benissimo anche l’ingresso in campo di Pazzini, sta avendo poco spazio ma mi darà una mano. E poi il ritorno del nostro grande capitano Montolivo, anche se per poco: recuperiamo un giocatore importante. Mancavano 5 titolari. Gol-non gol? Facciamo vedere alla gente i gol, abbiamo dominato l’Udinese dall’inizio alla fine. Montolivo ha caratteristiche uniche, può giocare da vertice basso o da mezz’ala; possibile anche come trequartista. E’ tornato e adesso sta a me metterlo nel momento giusto. Domenica riavremo De Jong ma purtroppo perdiamo Essien: lui e Bonera sono molto sottovalutati a San Siro, vorrei rimarcare la loro prova perché alla prima mezza palla sbagliata di Bonera o Essien sentivo dei mugugni. E non è giusto. Se qualcun altro facesse le loro cose verrebbe esaltato, qua i giudizi non si cambiano nemmeno con l’impegno”.

MEDIASET PREMIUM

“Menez non è un falso nueve, ma un centravanti con caratteristiche diverse rispetto a Pazzini e Torres. Un po’ come me eravamo io e Sheva. Oggi è una vittoria di tutti i ragazzi, abbiamo reso felici il presidente ed i nostri tifosi. È stata una partita a senso unico, dominata in largo ed in lungo. Rivedremo gli episodi, ma questa partita è da mostrare a tutti, questo è il calcio. Oggi Menez si è svegliato con la febbre, poi fortunatamente è passata, non avrei mai mandato in campo un giocatore influenzato. Sono contento per Jeremy che ho oggi ha fatto bene come tutta la squadra. In campo mi avevano detto che il colpo di testa di Rami era dentro, oggi il difficile era passare in vantaggio. Nell’intervallo ho detto ai ragazzi che giocando così avremmo trovato il gol. Avevamo parecchie defezioni, ma sapevo benissimo che chi andava in campo avrebbe dato il massimo e così è stato. Oggi perdiamo Essien per la trasferta di Genova, ma recuperiamo Montolivo. Il lavoro alla lunga paga, non si può avere tutto e subito. Ho sempre visto il nostro gioco nelle partite fin qui disputate, inoltre questa schema esalta i miei giocatori. Non amo commentare gli episodi arbitrali, specialmente a caldo, ma oggi è inutile soprattutto perché abbiamo dominato l’Udinese. Ero rammaricato nelle sfide contro Inter e Sampdoria perché gli avversari uscivano dal campo contenti nonostante il pari. Con questo spirito si può crescere partita dopo partita. Credo che la tecnologia possa aiutare gli arbitri, soprattutto nei gol non gol”.

MILAN CHANNEL

“Speravo in una partita del genere, ci alleniamo con grande serietà e l’emblema più bello di oggi siano le prestazioni di quelli che giocano di meno. Nonostante i tanti assenti non ci siamo pianti addosso. Oggi godiamoci questa vittoria perché poi domenica sarà dura. Sono contento di tutti, diciamo che l’unico neo della giornata è che mi dispiace che alla prima palla sbagliata di Bonera ed Essien ci siano mugugni, perché sono grandi uomini e si allenano bene, sono persone sane e serie. Oggi tutti hanno ammesso la nostra superiorità, nessuno può legare il risultato a un episodio dubbio. Forse recuperiamo De Jong, Muntari non so”.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy