Subito Okaka, ciao Pazzini. E il Milan chiama la Samp: i dettagli

Il derby rimane in primissimo piano, ma il giovedì rossonero per adesso regala uno scoop di mercato insolito, superficiale ma molto interessante. Secondo l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, questo il retroscena, il Milan sarebbe piombato su Stefano Okaka.

L’attaccante della Sampdoria, fresco di gol in Nazionale, è in un gran momento di forma e, a 25 anni, forse sta iniziando a prendere la forma di un giocatore di livello superiore. La stagione fin qui ha sorpreso tutti (e lo stesso Conte): prestazioni lucide, sostanziose ed efficaci, più 2 gol. Uno, in bello stile, proprio alla squadra di Inzaghi. Quel 2-2 di Marassi ha fatto riflettere SuperPippo, poi la decisione: l’ex Roma e Parma, prosegue la Rosea, può essere l’obiettivo privilegiato per il necessario rinnovamento in attacco. E in silenzio sono già stati avviati i primi contatti con il presidente Massimo Ferrero il quale, si sa, sarebbe interessato a riformare la coppia Pazzini-Cassano per la Doria che verrà. L’idea, dunque, è quella di uno scambio. Subito. A gennaio. I margini di manovra sono ampi, legati soprattutto al contratto dei due. Okaka è in scadenza nel 2016, la Samp avrebbe in mano un rinnovo a cifre top, spiega Gianlucadimarzio.com, ma il giocatore, insieme al suo agente, non vuole sedersi a trattare con il ds Osti. Aspettando proposte più ambiziose. Pazzini (in queste ore si parla di offerte dall’estero, per esempio in USA), invece, sarà libero dal prossimo giugno e per il Milan affrettare i tempi sarebbe vantaggioso, così la cessione varrebbe ancora un prezzo.

Sinisa Mihajlovic non ha la minima intenzione di privarsi del suo faro, le insidie sono sempre dietro l’angolo. Il cub di via Aldo Rossi però proseguirà nelle avance, consapevole della voglia di cambiamento di Okaka. Su di lui altre squadre di A, Schalke 04 e Stoccarda in Bundesliga. Occhio anche alla Premier. E’ in arrivo un inverno indiavolato.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy