Up Mexes, down Zapata: il punto

Da epurato di lusso a titolare inamovibile. Nelle ultime tre partite Pippo Inzaghi, vista la concomitante assenza di Alex, si è affidato a Philippe Mexes al centro della difesa ed il francese ha risposto presente, sfruttando al meglio l’occasione che gli si è presentata davanti. In queste tre occasioni, il Milan ha collezionato cinque dei nove punti che aveva a disposizione, ma, soprattutto contro Inter e Udinese, ha fatto netti passi in avanti in fase difensiva, dimostrando di patire meno del solito l’assenza di un elemento fondamentale, per equilibri e sostanza, come Alex. Questa assenza, infatti, è stata quasi offuscata dalle ottime prove di Mexes.

Il francese, soprattutto nell’ultima gara in coppia con il suo connazionale Rami, ha dimostrato di poter essere ancora utile alla causa rossonera e di poter dimostrare tutto il suo valore. Una risorsa importante per Inzaghi, quindi, soprattutto per quel che riguarda il presente. Difficilmente, infatti, a meno di clamorosi colpi di scena o passi indietro, la società tornerà a negoziare con lui un contratto ormai in scadenza nel giugno 2015, ma fino a quel momento, Mexes resta a disposizione del tecnico piacentino e, al momento, rappresenta l’alternativa più valida e all’altezza alla coppia, che dovrebbe essere la titolare, Rami-Alex. Ottimo con l’Udinese, e aspettando di capire se Alex ci potrà essere con il Genoa, Mexes si candida per giocare anche domenica prossima.

Lo sliding doors che vede entrare dalla porta giusta Mexes, però, vede uscire inesorabilmente Cristian Zapata. Con Rami sicuro del posto e Mexes prima alternativa ad Alex, quindi, il colombiano sembra uscire inesorabilmente nei radar di Inzaghi. Da titolare nelle prime apparizione, quindi, Zapata rischia di essere l’emarginato della retroguardia rossonera, la quarta scelta di un reparto che vede due titolari. Le sue ultime dichiarazioni suonano, poi, come un autogol inopportuno e illogico e cozzano con le sue prestazioni balbettanti in campo. Mexes invece, al contrario, da ultima scelta è diventato la prima alternativa, per ora c’è e offre ampie garanzie.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy