CALCIOMERCATO/ Milan, per Van Basten i rossoneri devono puntare sul talento orange Sinkgraven

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Daley Sinkgraven osservato speciale. Il centrocampista olandese, attualmente tra le file dell’Heerenveen, è stato segnalato a più riprese alla dirigenza del Milan dal suo ex allenatore, Marco Van Basten. Il campione olandese è convinto che Sinkgraven sia un talento da coltivare e potrebbe essere molto utile alla mediana rossonera. In grado di ricoprire il doppio ruolo di trequartista e mezzala, il giovane mancino ha visone di gioco, capacità di apertura e maturità, qualità che lo rendono un elemento prezioso.

Van Basten lo ha scoperto nella nazionale Under 21 decidendo poi di lanciarlo nel campionato dei grandi a gennaio dello scorso anno, appena 18enne. Daley ricambia la fiducia portando in campo un gioco fluido, elegante e intelligente che piace molto all’ex rossonero. Sotto la guida del tre volte pallone d’oro Sinkgraven colleziona 15 presenze. In questa stagione, dopo le cessioni estive di Ziyech al Twente e di Basacikoglu al Feyenoord, diventa uno dei punti fissi dell’Heerenveen con 20 partite all’attivo, 3 gol e 2 assist, attirando le attenzioni di diversi club. Non solo Psv e e Ajax vorrebbero averlo, ma anche Van Gaal è deciso a dare una chance al giovane classe ’95 e testarne la tempra in Premiere, magari già a inizio febbraio. A suggerire l’arrivo di Sinkgraven al Manchester United il suo ex allenatore nell’Under 21, Albert Stuivenberg, che a luglio 2014 è volato in Inghilterra per diventare assistente dell’ex ct dell’Olanda.

Valutato 5 milioni di euro e con contratto in scadenza nel 2017, Sinkgraven potrebbe essere un arrivo interessante per il centrocampo del Milan sempre più in affanno. La concorrenza però è agguerrita e per fargli vestire la maglia rossonera servirà qualcosa di più della buona parola di Marco Van Basten.