Pullman Milan - Eccovi tutta la verità

Il pullman del Milan in vendita? Ecco la verità


Nonostante si sia scatenata l’ironia del web a riguardo, il Milan non sarà costretto a raggiungere San Siro né ai piedi e né con i mezzi di trasporto pubblici. Il giorno successivo alla pubblicazione dell’articolo de La Repubblica nel quale si parlava di un’imminente vendita del pullman sociale, arriva puntuale la smentita e il doveroso chiarimento. Si sgonfia quindi il caso, per la felicità dei tifosi rossoneri.

Secondo quanto riporta il quotidiano finanziario Milano Finanza, non si tratterebbe affatto di una vendita, ma di subentro al leasing acceso per il pullman da parte di un’altra società di trasporti che lo userà anche per altre finalità. Il Milan ha optato quindi per l’esternalizzazione della logistica dei trasporti, affidandola dopo regolare gara d’appalto alla Castano-Frigerio Viaggi.

Questo sistema è già stato utilizzato con successo sia dalla Juventus che dall’Inter, garantendo un servizio ancor più efficace rispetto al passato. In questo modo le casse rossonere risparmieranno i 150 mila euro annui spesi finora per il pullman e lo stipendio di Domenico Gelsomino, storico autista del Milan. Il suo contratto di lavoro è stato rilevato dalla stessa azienda esterna per le identiche mansioni.

Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Direttore editoriale "SpazioMilan.it": Christian Pradelli

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy