Sei qui: Home » Copertina » Suso convince, Cerci delude. Le parole di Inzaghi ancora di più

Suso convince, Cerci delude. Le parole di Inzaghi ancora di più

Un palo, qualche bella giocata ed una prestazione che fa ben sperare per quel che sarà il Milan che verrà. Dopo i dieci minuti in Coppa Italia contro la Lazio, la straordinaria doppietta in amichevole contro la Reggiana, l’esordio in Serie A sabato scorso a Palermo, l’esterno d’attacco spagnolo Suso ha confermato i progressi e la crescita dell’ultimo periodo, nella mezz’ora concessagli da Inzaghi contro la Sampdoria. Il ragazzo, che compierà 22 anni a novembre, sembra avere delle ottime qualità e potrebbe rappresentare un’ottima risorsa per questo finale di stagione.

Peccato che lo spazio che fin qui gli è stato concesso da Pippo Inzaghi è davvero irrisorio e aumenta soltanto i rimpianti per quello che Suso avrebbe potuto dare se fosse stato impiegato di più. Questa sensazione diventa ancor più forte se si prende in esame la prestazione, ancora una volta negativa, di Alessio Cerci. Ieri sera l’ex Toro si è dato da fare, ha toccato tantissimi palloni, ma ne ha sbagliati troppi, non è mai stato incisivo, ha sprecato palle invitanti con tiri completamente fuori misura ed è uscito dal campo dopo un’ora subissato dai fischi di San Siro.

LEGGI ANCHE:  L'EDITORIALE - Ziyech è un affare? Numeri a confronto!

Accostando le partite di Cerci e Suso, si potrebbe quantomeno pensare a quest’ultimo come possibile carta da giocarsi per il derby contro l’Inter. Ad una domanda sull’esterno iberico fatta ieri a Mister Inzaghi al termine del match, il tecnico rossonero, però, si è complimentato con il ragazzo, ammettendo i segnali di crescita, ma ha anche ripetuto che se fin qui non ha giocato tantissimo è perché davanti a lui, nel suo stesso ruolo, c’è gente come Cerci e Honda. Sull’esterno azzurro si è espresso in maniera positiva, difendendolo dalle critiche e parlando di una sua buona partita.

In pochi saranno d’accordo con queste dichiarazioni che, purtroppo, non lasciano spazio a speranze e suggestioni in ottica derby. Contro l’Inter, ma anche per le prossime otto partite, la sensazione è che vedremo ancora Cerci (o Honda appena tornerà dall’infortunio) e che Suso continuerà ad essere impiegato con il contagocce. Con buona pace sua e di tutti.