Sei qui: Home » Copertina » L’inversione di rotta può generare un’inversione di esterni? L’analisi

L’inversione di rotta può generare un’inversione di esterni? L’analisi

Dopo le recenti critiche mosse alla poca compatibilità tra la punta rossonera Mattia Destro e gli esterni rossonero, nel modo in cui giocano, ovvero col piede preferito opposto alla fascia di riferimento e quindi con la possibilità di rientrare a calciare, a molti è sorto un dubbio squisitamente tattico che Filippo Inzaghi dovrebbe non sottovalutare: invertire gli esterni e dar loro meno possibilità di iniziativa personale offensiva d’accentramento e più gioco sul largo. Ma spieghiamoci meglio.

Il fatto di riportare Cerci sulla sinistra e Menez sulla destra significherebbe certamente una possibilità maggiore nel 4-3-3 di soluzioni offensive: ai due resterebbe sempre la possibilità di sfidare palla al piede gli avversari puntando l’area di rigore come a loro sappiamo piace, ma una volta superato il loro diretto difensore avrebbero l’opportunità di calciare o servire il compagno in mezzo con molta più semplicità. A guadagnarne potrebbe essere tutta la squadra.

LEGGI ANCHE:  Vicino il prolungamento di contratto per Tonali: la proposta del Milan

Giocare sugli esterni offensivi larghi significherebbe più palloni per i due playmaker offensivi Cerci e soprattutto Menez; giocare sugli esterni offensivi larghi significherebbe anche più cross per Destro da buttare dentro; giocare sugli esterni offensivi larghi significherebbe limitare i terzini a dare equilibrio nelle fasi di gioco, disponibili allo scarico più che alla sovrapposizione, con un sostanziale miglioramento ipotetico della fase di non possesso; giocare sugli esterni offensivi larghi significherebbe allargare le maglie delle difese avversarie a favore delle incursioni di Bonaventura, Poli o chicchessia. Una soluzione che date le possibilità evidenziate non sarebbe da scartare affatto.