Sei qui: Home » This is Football! » L’accusa del calciatore rumeno: “Umiliato dallo staff della Nazionale”

L’accusa del calciatore rumeno: “Umiliato dallo staff della Nazionale”

È polemica rovente in Romania. Al centro dell’attenzine Ianis Hagi, figlio dell’ex calciatore Gheorghe e prossimo a vestire la maglia della Fiorentina.

Secondo quanto raccontato dal ragazzo, sarebbe stato offeso da Zoltan Kovacs, coordinatore della squadra nazionale juniores, durante il periodo di preparazione in Olanda al Torneo Elite e durante la stessa competizione in Inghilterra che non si è rivelata propriamente positiva per la compagine rumena.

“Voi non siete niente, voi siete zero”, la frase che ha fatto andare su tutte le furie Hagi senior, che ha chiesto la rimozione dall’incarico del tecnico. Hagi, poi, ha concluso: “Dopo un confronto con mio figlio, sono d’accordo con lui per quanto riguarda la scelta di prendersi tempo per riflettere su tutto ciò che è accaduto negli ultimi due mesi nella squadra Under 17 e di prendere, in seguito, una decisione”.

Immediata la replica ct Kovacs: “Rispetto il signor Hagi, ma lui non deciderà ciò che io ho intenzione di fare. Non ho detto “zero”. Quando ho detto “nulla”, intendevo dire che loro non avevano fatto nulla in campo. Ho detto a Ianis che il suo cognome per me non ha importanza”.