Sei qui: Home » Copertina » “No ad ammonizioni stupide”: il derby di Menez a rischio giallo

“No ad ammonizioni stupide”: il derby di Menez a rischio giallo

“Non ho fatto raccomandazioni particolari a Menez. È chiaro che, se prende un’ammonizione stupida, mi arrabbio, ma ci sono situazioni di gioco diverse tra loro”. Uno dei temi della conferenza stampa di Inzaghi è la diffida del suo pupillo francese che, in caso di ammonizione nella partita di domenica sera, si beccherebbe la squalifica per il derby di domenica 19 aprile. Un’ipotesi da scongiurare per il capocannoniere rossonero anche perché, nella gara di andata, era riuscito a segnare la preziosa rete del momentaneo vantaggio milanista.

La situazione attuale del Milan, però, non ammette la possibilità di rinunciare a una delle pochissime certezze degli schieramenti di Inzaghi durante la stagione. Basti pensare che il francese è sceso in campo in tutte le gare di campionato dei rossoneri, pur cambiando posizione in campo e passando dal ruolo di falso nueve a quello di esterno offensivo a sinistra. Il risultato, almeno in termini realizzativi, è stato sempre lo stesso, considerando i 16 gol realizzati a 9 gare dalla conclusione della stagione. Si può dibattere –e lo si farà- sul suo ruolo, sul suo atteggiamento al servizio della squadra e sull’eventualità di disegnarli su misura il progetto tattico della prossima stagione ma, in questo scorcio di campionato, il Milan di Inzaghi non può prescindere dal suo migliore uomo.

LEGGI ANCHE:  Milan, oggi gli esami per Tonali: i possibili tempi di recupero

È così che diventa impensabile privarsi di Menez nel match contro la Sampdoria che, in termini di classifica, è forse ancor più decisivo del derby. I blucerchiati occupano quel quinto posto valido -insieme al sesto- per l’accesso all’Europa League e la sfida di Sa Siro, in casa rossonera, ha il sapore dell’ultima spiaggia per provare a raggiungere un traguardo comunque molto complicato. Calcoli e razionalità a parte, la settimana successiva c’è il derby che, verosimilmente, potrebbe essere una delle poche gioie stagionali per i tifosi di entrambe le formazioni. Menez è chiamato ad evitare un’ammonizione “stupida” perché, di questi tempi, non è possibile impoverire il derby di una delle sue poche stelle luccicanti.