Mercato sì, ma con rispetto per...

Mercato sì, ma con rispetto per…


Si chiude finalmente con dei risultati positivi una stagione da dimenticare. Come contro l’Atalanta, l’unico obiettivo era congedarsi dignitosamente. E la squadra di Inzaghi ha dimostrato che, nelle partite da giocare con leggerezza e senza l’assillo del risultato, sa esprimere un buon gioco. Tuttavia, i rossoneri sono entrati in campo con mezz’ora di ritardo, e dopo il vantaggio atalantino, frutto di un dominio territoriale piuttosto netto, si sono svegliati con il rigore di Pazzini e il vantaggio di Bonaventura, che ha poi offerto il bis nella ripresa, senza esultare. Un successo che, anche se rimane privo di gioie, lascia speranze per un futuro migliore. Non è ancora persa, inoltre, Inter e Torino permettendo, la speranza di raggiungere l’ottavo posto, che eviterebbe ai rossoneri di disputare il terzo turno di Coppa Italia a metà agosto. Un impegno che, anche se sulla carta agevole, rischia di spaccare a metà la preparazione estiva dei rossoneri. Anche questo “obiettivo”, però, sembra essere praticamente sfumato. Accontentiamoci, per ora, di aver chiuso dignitosamente la stagione. IN RIALZO.

Quella di ieri sera è stata molto probabilmente l’ultima partita di Inzaghi da allenatore rossonero. SuperPippo continua a vedersi sulla panchina milanista anche nella prossima stagione, ricordando spesso di avere un contratto fino al 2016. La realtà è, però, ben diversa. Il suo Milan non è riuscito a raggiungere neppure l’Europa League, obiettivo minimo stagionale, e i pretendenti alla sua panchina non mancano. In attesa della decisione di Ancelotti, in dubbio se tornare al Diavolo o prendersi un anno sabbatico, ci sono Montella, Mihajlovic, Sarri, Conte e persino Brocchi, solo per ricordare quelli più in voga negli ultimi tempi. Difficile, ai limiti dell’impossibile, che Inzaghi possa avere la possibilità di riscattarsi. Spiace che non abbia potuto salutare i suoi tifosi, che hanno abbandonato anzitempo il settore ospiti dell’impianto bergamasco. In compenso ha ricevuto l’affetto di tutti i supporter atalantini, nella città che lo ha lanciato come calciatore. STAGNANTE.

A proposito dell’atteggiamento intorno a Inzaghi, è un po’ tutto l’ambiente a deludere, soprattutto la società, che sembra quasi intenzionata a scaricare l’ennesima bandiera come se fosse un traghettatore qualunque. Speriamo vivamente di sbagliarci, che SuperPippo non venga trattato come Ambrosini, Seedorf o, ancora prima e ancora peggio, Maldini. Ma Galliani che va a Madrid per corteggiare Ancelotti, con Inzaghi ancora a sudare a Milanello per preparare l’ultima di campionato ed evitare di chiudere senza dignità, ci è sembrata l’ennesima caduta di stile di una società che negli ultimi anni ha troppe volte esagerato in senso negativo. Si poteva aspettare una settimana. È vero, il tempo è denaro, ma forse il rispetto è una cosa più importante. IN RIBASSO.

In ogni caso, con la chiusura del campionato ormai sancita, il mercato comincia a entrare nel vivo ben prima dell’apertura ufficiale. E i rossoneri cercano di muoversi non soltanto sul fronte panchina. Nei giorni scorsi si è parlato, complice il volo di Galliani a Madrid, di un interesse per Mandzukic e Mario Suarez dell’Atletico. Ma i Colchoneros potrebbero subire il blocco del mercato in entrata, per cui hanno frenato, anche se Suarez si svincolerà comunque a fine stagione. Interessa anche il gioiello del Siviglia Bacca, che ha trascinato gli spagnoli alla conquista dell’Europa League. Si è parlato anche del talento del Borussia Dortmund, Gundogan. Tuttavia, in entrambi i casi, si tratta di colpi molto costosi e, comunque, tutto dipenderà dal nome che siederà sulla panchina rossonera. Più concreto sembra, invece, l’assalto a Bertolacci. Galliani e Preziosi hanno fissato un appuntamento a Forte dei Marmi per parlare del centrocampista. Resta, però, pressante, l’insidia Roma, che detiene l’altra metà del cartellino e che è seriamente intenzionata a riportare il genoano a Trigoria. L’obiettivo dell’ad rossonero è, pertanto, quello di lavorare insieme a Preziosi per poter soffiare Bertolacci ai giallorossi. La priorità resta, in ogni caso, quella di rafforzare l’ossatura della squadra, quindi una punta, un centrocampista e un difensore di livello. Ci attende un’estate molto calda. Il peggio sembra essere alle spalle, si spera. IN RIALZO.

Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Direttore editoriale "SpazioMilan.it": Christian Pradelli

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy