Mangiarotti a SM: “Berlusconi, manca la lucidità. Non rimpiango Allegri e sullo stadio a rischio…”

Marco Mangiarotti, giornalista de Il Giorno, ha parlato nel corso del nostro programma in onda su Top Calcio 24 (canale 114 del DT) ogni martedì dalle 12 alle 13.45: “Stadio a rischio? Nonostante la proprietà immetta 90 milioni di euro l’anno, questo è il simbolo della follia dei progetti rossoneri. Berlusconi ha lasciato gestito la società in maniera scellerata e senza logica sportiva e manageriale è follia. Pensare allo stadio come rinascita è una scorciatoia pericolosissima per una squadra senza valori tecnici e di cartellino, con il rischio di svalutare il suo valore se anche questa estate dovesse andare male la campagna estiva. Vendita società? Conoscendo Berlusconi, è una persona intelligente e abile ma abituata ad un mondo di relazione e di coperture politiche. Adesso che il suo potere sembra essere sceso, sta mancando la lucidità: difficile trovare qualcuno che investe milioni di milioni per poi non comandare niente in una squadra e intanto la famiglia Berlusconi continua a ripagare i debiti del club per questo scempio di Milan dal punto di vista tecnico e di valori. Nonostante i risultati, non rimpiango Allegri: adesso sta dimostrando di saper vincere con la squadra molto più forte. Inzaghi? Una delusione cocente. Galliani non è stato capace di valutare quello di buono stato fatto, come per Saponara prestato all’Empoli per 4 milioni. Il tifoso milanista conosce la sua storia, abbiamo vinto per tanti anni e abbiamo anche perso. Se si dice chiaramente ai tifosi quello che si vuole fare si può ripartire, ma manca la chiarezza. Anche Barbara mi sembra inadatta per il ruolo ricoperto”.

Sei qui: Home » Ipse dixit » Mangiarotti a SM: “Berlusconi, manca la lucidità. Non rimpiango Allegri e sullo stadio a rischio…”