Cerci: "Milan? Ho sbagliato a fidarmi. Mi può fermare solo me stesso. Torino? No, Mihajlovic"

Cerci: “Milan? Ho sbagliato a fidarmi. Mi può fermare solo me stesso. Torino? No, Mihajlovic”


Alessio Cerci, nel corso della tournée in Cina del Milan, è stato intervistato da Tuttosport. Ecco le sue dichiarazioni.

Problema concorrenza: “So che al Milan la concorrenza è terribile, so che sono arrivati due attaccanti fortissimi come Bacca e Luiz Adriano. Ma io ho una certezza: se mi alleno bene, non sono secondo a nessuno. Me la gioco con tutti. E quindi, ho deciso di allernarmi e di giocarmela“.

Atletico Madrid da dimenticare: “La trattativa è andata avanti per troppo tempo. E io l’ho pagato. Più di un mese a lavorare da solo, nel Torino. Poi, se anche Simeone mi aveva cercato, dopo poco mi sono sentito escluso, emarginato. Sono arrivato che non ero in forma, lo riconosco. Ma c’è stato anche altro. Pur avendomi fortemente voluto, il gioco dell’Atletico non era adatto alle mie caratteristiche. Tutto fisico, tutto aggressivo. E così ben presto non sono più rientrato nelle sue scelte“.

Milan, non sei stato di parola: “Ho commesso l’errore di fidarmi. C’erano diverse squadre che mi volevano, Inter compresa, ma alla fine ho scelto il Milan perché mi era stata data l’assicurazione che avrei giocato tutte le partite. Non è stato così, anzi: mai giocato più di due partite di fila, la squadra non girava e io ci ho rimesso più di tutti. Non sono stati chiari con me: venivo da 3-4 mesi in cui avevo giocato poco, era ovvio che avessi bisogno di tempo e di fiducia. Non mi sono stati concessi…“.

Obiettivo riscatto: “Ho una grandissima voglia e una grandissima determinazione. Finalmente sto facendo un’ottima preparazione, Mihajlovic ci fa lavorare intensamente e io sono ben felice di mettere benzina nelle gambe. Visto che è un anno che gioco poco, questa fase della stagione è fondamentale. Il ruolo? Sicuramente nel 4-3-1-2 che utilizza Mihajlovic la mia posizione è da seconda punta. Un ruolo che ho già ricoperto nel Torino: in allenamento mi sto applicando per capire bene tutti i movimenti. Poi, se il mister dovesse passare al 4-3-3, andrei a giocare ovviamente esterno. Sento la fiducia della società, voglio far vedere che sono un giocatore da Milan e dimostrare che in campo so fare ottime cose. Perché vedete io sono molto sicuro dei miei mezzi. So perfettamente che mi può fermare solo me stesso. Se sto bene fisicamente, se sto bene mentalmente, me la gioco con tutti. Con la forma fisica eccellente e la mente sgombra, la concorrenza non mi preoccupa“.

Torino, no grazie: “Cos’ha detto Cairo l’altro giorno? Fantacalcio. Ecco, io dico lo stesso. La mia situazione contrattuale? Molto semplice. Adesso sono in prestito biennale dall’Atletico al Milan. Il primo anno è andato, questo è il secondo. A giugno, torno di proprietà spagnola. Il rapporto con Mihajlovic è ottimo. Poi tutti sanno che con Ventura c’è un feeling particolare, che lui mi fa rendere al 100% e forse anche più. Ma spero anche che Mihajlovic, per me, possa diventare come Ventura…“.

Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Direttore editoriale "SpazioMilan.it": Christian Pradelli

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy