Crespo: "Sono pronto questa nuova avventura, il mio Modena darà tutto"

Crespo: “Sono pronto questa nuova avventura, il mio Modena darà tutto”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Il nuovo allenatore del Modena, Hernan Crespo, ha parlato alla Gazzetta dello Sport. Queste le sue dichiarazioni: “Sono prontissimo e non ho paura di bruciarmi. Ai dirigenti del Modena, Caliendo e Taibi, ho detto di darmi la macchina: tocca a me svilupparla. E’ un po’ come succede in Formula Uno… Mi fanno ridere gli allenatori che partono dicendo di giocare con il 4-3-3, o con il 4-4-2, o con il 3-5-2, ma che magari non sanno ancora quali elementi avranno a disposizione. Il mio approccio è diverso: io osservo il materiale, poi decido quale modulo adottare. L’allenatore moderno deve essere preparato ad affrontare tutte le situazioni e, soprattutto, deve saper coinvolgere i giocatori“.

Sui suoi concetti di base: “Alta intensità, aggressività e gioco rasoterra. Non mi piace quando i miei giocano il pallone in avanti a casaccio. Può capitare, ci mancherebbe altro, ma non dev’essere un’abitudine. La mia squadra, spero di riuscirci, sarà padrona del campo“. Sugli obiettivi: “Qui a Modena, intanto, voglio una salvezza tranquilla. Ma poi mi conosco, lo so che non basta, voglio sempre fare un passo in avanti“. Sull’aspetto economico: “I soldi, per me, non sono una priorità. Io investo su me stesso, voglio capire se posso fare l’allenatore per tutta la vita“.

Sul suo approccio con i propri giocatori: “Sicuramente, quando ci vuole un urlaccio, non mi tiro indietro. L’importante, però, è conoscere a fondo i propri giocatori e andare a toccare quelle corde che possono aiutarli a migliorare. Il mio compito è quello di risolvere problemi dei miei ragazzi“.

Sui tifosi: “Dalla gente di Modena, non mi aspetto nulla: tocca a noi coinvolgere i tifosi. E lo si fa in un solo modo: con l’impegno, la fatica, il sudore. I tifosi, ai giocatori, non chiedono di fare dieci tunnel a partita: si accontentano di vederli correre e lottare. Poi, se ci sono anche i piedi buoni, è meglio. Ma, prima di tutto, ci vuole la serietà e l’impegno: dobbiamo rispettare la gente che paga il biglietto per venirci a vedere. Credo che il calcio sia una cosa semplice: il pubblico non pretende che tu sia Cristiano Ronaldo o Messi, se non ne hai le qualità, ma vuole che tu, in ogni momento della partita, ti danni l’anima, come faceva il mio amico Rino Gattuso. Il segreto è tutto qui“.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy