La figurina Balotelli: 5 domande (senza risposta) proprio per Mario

Simone Basilico è nello staff di SpazioMilan.it dalla sua nascita, l’8 marzo 2011, ed è una delle prime firme del sito, specializzato nel settore giovanile rossonero.

Esattamente un anno eravamo qua a scrivervi del grandissimo colpo di mercato del Milan che era riuscito a piazzare Balotelli al Liverpool per un cifra intorno ai venti milioni, dopo una stagione passata più sulle copertine dei giornali che in campo a sudare per la causa rossonera. Ora, invece, la situazione si ripete, a parti invertite: il 25 agosto 2015 riparte l’avventura di Mario Balotelli con la maglia del Milan, tra grandi polemiche fra i tifosi più agguerriti e profondi sospiri per chi vede in lui ancora un barlume di qualità in una squadra priva di talenti. Caro Mario, ho cinque domande per te.

  1. Ma quante seconde opportunità ti offre questa vita? Ti cacciano all’Inter e voli al City. Ti cacciano dal City e ti accoglie il Milan. Ti cacciano dal Milan e riparti dal Liverpool. Ti cacciano dal Liverpool e ritorni a Milano. Basta, per favore.
  2. Ogni mese ti lamenti che la stampa pensa solo a te. Ma perché ripartire dal Milan quando c’era la possibilità di tornare in Serie A in una piazza minore, nella quale avresti avuto meno riflettori puntati addosso? Potevi mettere da parte il portafoglio, per una volta.
  3. Probabilmente, ti aspetta un gelido San Siro alla tua prima apparizione in campionato. Non sarai né fischiato né applaudito. Lo sai che ogni giornalista gongola all’idea che tu possa tornare a darci notizie ogni settimana?
  4. Tieniti pronto, però: salire sul carro dei festeggiamenti alla prima doppietta sarà un processo inevitabile nei tuoi confronti. Perché allora non stupire tutti, Conte compreso, e tornare a comportarti da vero atleta professionista?
  5. Quando sei arrivato nel gennaio del 2013, avevo un sogno. Domenica 13 settembre 2015 a San Siro: ci siamo capiti, vero?

Twitter: @SBasil_10

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy