SM VIDEO/ Mihajlovic: “Abbiamo giocato bene, ma non mi piace quando ci accontentiamo. I fischi dei tifosi ai giocatori inaccettabili”

GUARDA IL VIDEO DI MIHAJLOVIC AI NOSTRI MICROFONI

Il tecnico del Milan, Sinisa Mihajlovic, ha parlato dopo il fischio finale del vittorioso match contro il Perugia:

RAI

Oggi abbiamo fatto bene, dopo il 2-0 la partita era finita e l’abbiamo gestita, anche se a me non piace per nulla perchè dobbiamo giocare sempre al massimo senza accontentarci. L’unica nota negativa è il fatto che non capisco come sia possibile che i tifosi del milan possano fischiare un loro giocatore (si riferisce a Cerci, ndr). E’ inaccettabile, chi viene allo stadio deve sostenere i ragazzi, al massimo si può fischiare dopo la partita, ma non durante, anche perchè tutti i ragazzi danno il massimo per questa maglia. Ely e Romagnoli bene, sono stati attenti e concentrati e non abbiamo rischiato niente. Era un buon test per loro, ma tutti hanno fatto la loro parte, non era facile alla prima partita davanti ai nostri tifosi ma questa è la strada giusta. Ibra? prefeirsco parlare solo dei miei giocatori. Aspetto qualcuno sul mercato? La società lo sa. Domenica a Firenze sarà una partita difficile ma tutta la Serie A è difficile. Percentuale di condizione del Milan? Non sono bravo in matematica“.

MILAN CHANNEL

Abbiamo chiuso la partita nel primo tempo, non mi è piaciuto l’atteggiamento nel secondo tempo però perchè dobbiamo dare sempre il massimo. Abbiamo fatto bene nel recupero immediato e possesso palla. Abbiamo messo in pratica gli allenamenti. Romagnoli ed Ely hanno fatto bene ma anche grazie a tutta la squadra. I nostri attaccanti sono i nostri primi difensori, noi gli diamo le soluzioni e il loro talento li fa finalizzare. Non è accettabile fischiare in partita. La società valuterà le scelte sul mercato. Continueremo ad allenarci come abbiamo fatto in vista della Fiorentina. Menez se vorrà giocare trequartista o seconda punta dovrà fare quello che gli sarà chiesto. Si allena da 4 giorni col gruppo, naturalmente gli manca il ritmo partita. Non è mai facile vincere, non devono esistere avversari difficili o facili, dobbiamo pensare solo a vincere“.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy