Cesare Maldini e i 60 anni della Coppa dei Campioni: “All’epoca non realizzai quanto fosse importante”

Era il 1955 quando si giocò Sporting Lisbona-Partizan Belgrado, la prima partita della Coppa dei Campioni, oggi diventata Champions League, una competizione unica che ha mantenuto intatta la magia per tutti questi decenni. Il Milan partecipò a quella edizione e venne eliminato al primo turno. In quella squadra c’era Cesare Maldini che ai microfoni di tuttomercatoweb.com torna indietro con la memoria: “Ho ricordi bellissimi legati a questa competizione. Devo dire che ai tempi non realizzai quanto fosse importante il torneo, non c’era quell’attesa spasmodica che c’è adesso. Col passare degli anni mi accorgo che questa competizione diventa sempre più sentita. Per me fu una novità emozionante, si iniziava a girare per la prima volta per l’Europa. Poi io ci ho preso gusto e anche le italiane, considerati i successi negli anni a venire”.

Cesare Maldini fu poi il primo italiano ad alzarla da capitano, quando il Milan vinse la sua prima delle 7 nel 1963, una storia che poi si ripetè 40 anni dopo quando suo figlio Paolo la alzò sotto il cielo di Manchester.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy